Lunedì 21 Settembre 2020
Il sindaco risponde alla minoranza e illustra i servizi potenziati e i controlli svolti


Letojanni, ancora rifiuti abbandonati in giro: "Incivili cercano di vanificare il lavoro"

di Andrea Rifatto | 15/09/2020 | POLITICA

401 Lettori unici

Rifiuti lasciati all'angolo di una strada

Le presenze sono diminuite, molti vacanzieri hanno lasciato il paese, ma la pessima abitudine di abbandonare rifiuti in giro è rimasta. A Letojanni è una continua lotta contro gli incivili che gettano l’immondizia negli angoli più disparati del territorio comunale oppure non conferiscono correttamente gli scarti per il ritiro con il servizio porta a porta, ritenendo magari di poter esporre ogni genere di rifiuto nella giornata dedicata all'indifferenziato. E il risultato è sempre lo stesso, con sacchetti lasciati in strade e aiuole, minidiscariche nelle zone meno frequentate e cumuli di rifiuti indifferenziati agli angoli delle strade, anche in pieno centro. Un problema che soprattutto in estate scatena discussioni e scambi di accuse sulla sua “matrice”, se cioè sia colpa dei residenti o dei vacanzieri (anche mordi e fuggi) e proprietari di seconde case che frequentano la località turistica per il periodo di villeggiatura. Gli abbandoni si sono però registrati anche negli ultimi giorni, segno che forse c’è anche chi vive stabilmente in paese a non rispettare le regole, oltre magari ai “residui turisti” del fine settimana che magari lasciano il loro “ricordino” prima di rientrare a casa. “Nonostante gli sforzi organizzativi esistono degli incivili che cercano di vanificare il lavoro svolto - ha evidenziato il sindaco Alessandro Costa rispondendo ad un’interrogazione della minoranza che segnalava l’assenza di pulizia e decoro lungo le strade cittadine - l’Amministrazione comunale ha attuato la linea dura contro i depositi indiscriminati dei rifiuti e tramite la dislocazione sul territorio delle videocamere sono stati elevati da parte della Polizia locale numerosissimi verbali (oltre 300) per non corretto conferimento dei rifiuti”. Un’attività di contrasto che ha prodotto i suoi frutti ma che evidentemente non è ancora sufficiente per scoraggiare gli incivili. “L’Amministrazione ha fatto, nel tempo, degli sforzi notevoli per garantire l’igiene e il decoro della nostra cittadina, sia nel periodo invernale che nel periodo estivo e operando in sinergia con l’Ato Me4 si sono pianificati degli interventi migliorativi del servizio in vista della stagione turistica. Il personale di consueto operante - ha spiegato Costa - è stato affiancato da ben 4 unità interinali per garantire lo svuotamento più volte al giorno dei cestini (tutti i giorni, non solo nei weekend come ritenuto necessario dall’opposizione) ed incrementare il passaggio per la raccolta delle frazioni differenziate presso le attività commerciali, per le quali è stato varato un nuovo calendario. A queste unità vanno ad aggiungersi ben 9 borse lavoro dedite allo spazzamento delle strade e delle piazze mentre i volontari dei Rangers International si sono occupati della pulizia quotidiana della spiaggia (da 6 a 10 unità). Per migliorare il servizio e venire incontro alle esigenze dei vacanzieri saltuari - ha proseguito il sindaco di Letojanni - sono state installate due mini-isole ecologiche, presidiate da personale, per il conferimento delle frazioni differenziate e sono stati acquistati ed installati anche i contenitori per le deiezioni canine. Mi preme ricordare, inoltre, che il Comune ha garantito anche in questa stagione l’installazione delle mini-isole ecologiche in spiaggia, la distribuzione gratuita del kit di mastelli per i proprietari di case e la distribuzione gratuita dei sacchetti biodegradabili, tutti accorgimenti volti a potenziare il servizio”. Dunque se da un lato il Comune ha cercato di venire incontro alle maggiori esigenze dell’utenza nel periodo estivo, non sempre dall’altro vi è stata collaborazione con il rispetto delle regole. Nel primo semestre del 2020 a Letojanni si è raggiunta una media di raccolta differenziata del 44,05%, con una punta del 50,16% nel mese di maggio: dati che probabilmente nei mesi estivi diminuiranno per via della maggiore quantità di indifferenziata prodotta e avviata a smaltimento in discarica.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.