Venerdì 01 Marzo 2024
Incastrato dai carabinieri grazie alle telecamere: a bordo aveva dimenticato degli oggetti


Schianto con l'autovettura rubata sul lungomare di Santa Teresa: denunciato un uomo

di Redazione | 18/10/2022 | CRONACA

2486 Lettori unici

La Punto rimasta di traverso

Era da solo ed è fuggito a piedi l’autore del furto d’auto commesso nella notte tra lunedì 10 e martedì 11 ottobre a Santa Teresa di Riva. I carabinieri della Compagnia di Taormina, all’esito di una mirata attività investigativa, lo hanno individuato e denunciato in stato di libertà per i reati di furto aggravato e danneggiamento. Si tratta di un cittadino del posto, B. A. 37 anni, già noto alle Forze dell’ordine. Quella notte il giovane ha rubato una Fiat Punto dall’autocarrozzeria Nucita all’estremità sud di Santa Teresa, in contrada Catalmo, e ha percorso appena tre chilometri per poi schiantarsi sul lungomare Paolo Borsellino, nel quartiere Bucalo, contro due auto in sosta sul lato destro della carreggiata, abbandonando il mezzo con il quale stava fuggendo. Poco dopo i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Taormina, mentre svolgevano un servizio di perlustrazione notturno, hanno notato la Punto lascita di traverso sul margine della carreggiata, coinvolta nell’incidente con alcune auto in sosta. Gli accertamenti effettuati nell’immediatezza per risalire al proprietario dell’autoveicolo hanno fatto emergere che il mezzo era di proprietà dell’autocarrozzeria di Santa Teresa e che lo stesso era stato asportato poco prima dal piazzale dove era custodita.      

I successivi accertamenti investigativi, condotti attraverso la visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza dell’area, hanno consentito ai militari di riconoscere ed identificare compiutamente il responsabile del furto. In particolare il sistema di videosorveglianza comunale ha immortalato il responsabile nel momento in cui, mentre si trovava alla guida dell’autovettura, andava a collidere con le altre due autovetture parcheggiate ai margini della carreggiata, una Renault Clio e una Toyota C-HR Hybrid, per poi fuggire a piedi facendo perdere le tracce. L’accurata ispezione dell’autovettura ha permesso di rinvenire al suo interno alcuni effetti personali, un cellulare e altri oggetti, con molta probabilità di proprietà dell’autore del furto, in quanto disconosciuti dai legittimi proprietari e sui quali verranno effettuati ulteriori accertamenti. L’autovettura, che ha riportato diversi danni alla carrozzeria, è stata restituita al legittimo proprietario, mentre l’uomo è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Messina.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.