Domenica 14 Aprile 2024
Dagli accertamenti disposti da Procura e Carabinieri è risultato positivo ad alcol e droga


Morte di Andrea Finocchio, conducente denunciato per omicidio stradale aggravato

di Andrea Rifatto | 13/05/2023 | CRONACA

7313 Lettori unici

La vettura è finita nel cortile di una villetta

Sarà l’inchiesta della magistratura a stabilire cause e responsabilità dell’incidente avvenuto tra il 5 e 6 maggio a Lascari, in provincia di Palermo, in cui ha perso la vita il 29enne Andrea Finocchio di Santa Teresa di Riva. Nel registro degli indagati è stato iscritto il conducente della Toyota Yaris sulla quale la vittima viaggiava come passeggero, il 37enne G. N. di Savoca, denunciato a piede libero per omicidio stradale, aggravato dall’essersi posto alla guida del veicolo in stato di ebbrezza alcolica e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, come emerso dagli accertamenti tossicologici effettuati dopo l'incidente. Sul sinistro hanno avviato le indagini i carabinieri della Compagnia di Cefalù, che hanno anche ritirato la patente di guida all’automobilista. I magistrati, oltre all’incarico per l’autopsia eseguita nei giorni scorsi, hanno nominato un esperto per stilare una perizia cinematica volta a ricostruire la dinamica e soprattutto comprendere a che velocità stesse viaggiando l’auto. Quella notte, intorno alle 2.40, la Yaris stava percorrendo la strada che collega le zone costiere di Campofelice di Roccella e Lascari, dove vige il limite di 50 km/h, e appena superato il confine comunale e un dosso stradale in corrispondenza di una intersezione è finita fuori strada schiantandosi contro le recinzioni di diverse abitazioni, sfondando il muro di una villetta su via Piane Nuove a Lascari, fermandosi nel cortile interno. Per Andrea Finocchio, che stava andando ad assistere alle gare della Targa Florio, non c’è stato nulla da fare ed è morto sul colpo per i gravissimi traumi subiti nell’impatto con gli ostacoli, mentre l’amico al volante è rimaso ferito in modo non grave e condotto in codice giallo all’ospedale “Giglio” di Cefalù e poi al “Civico” di Palermo.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.