Martedì 26 Settembre 2017
Il Piano Tari è stato aumentato per coprire i mancati introiti dovuti all'evasione


Furci. Tassa rifiuti raddoppiata, insorge la minoranza: “Mazzata per i cittadini”

di Redazione | 20/08/2017 | POLITICA

682 Lettori unici | Commenti 1

Cassonetti stracolmi sul lungomare furcese

La tassa rifiuti per il 2017 sarà una mazzata per i cittadini di Furci Siculo. Lo afferma in una nota il capogruppo di minoranza consiliare Francesco Rigano, intervenuto sulla delicata questione che da mesi è al centro del dibattito nella cittadina jonica. “Come preannunciato qualche mese addietro stanno arrivando le bollette della spazzatura, quest'anno quasi raddoppiate rispetto all'anno precedente. Tale aumento – spiega –Rigano – è frutto di una sconsiderata delibera di consiglio comunale, la n. 12 del 30 marzo 2017, approvata nonostante il voto contrario dei consiglieri di minoranza, con la quale è stato ingiustamente aumentato il piano tariffario della tassa sui rifiuti. La cosa sconvolgente è che tale aumento è stato giustificato con la necessità di andare a coprire una quota dell'evasione degli anni passati. In altre parole, ai fessi che pagano sempre le tasse viene chiesto quest'anno di pagare anche per quelli che non hanno pagato negli anni precedenti, piuttosto che agire per il recupero delle tasse evase. Una vergogna solo furcese che fa rabbia e che suscita l'indignazione di molti cittadini onesti che pagano regolarmente le tasse”.

Secondo il capogruppo di opposizione la questione economica inerente la gestione dei rifiuti è destinata a peggiorare.  “Probabilmente questo è solo l'inizio di un salasso preannunciato al quale vanno ad aggiungersi i considerevoli costi di discarica per l'aumento dei rifiuti provenienti da altri paesi e per i quali l'Amministrazione ha fatto solo proclami senza ottenere alcun risultato concreto” – evidenzia, riferendosi all’azione dei “pendolari” dei rifiuti, provenienti soprattutto da S. Teresa di Riva, che scaricano nei cassonetti stradali di Furci i propri scarti, nonostante ciò sia vietato. Per scovare i trasgressori sono stati attuati dei controlli da parte della Polizia municipale ma non hanno dato i risultati sperati. “Staremo a vedere cosa ancora dovremo subire – conclude Francesco Rigano – sta di fatto che negli ultimi quatto anni la spazzatura è aumentata del 100%”. Differenziata e porta a porta tardano ancora a partire con l'Aro comunale con il vicino centro di Roccalumera e la situazione a Furci sta divenendo sempre più insostenibile. 


COMMENTI

francesco ucchino | il 20/08/2017 alle 13:02:05

La minoranza insorge ma come al solito lo fa in modo blando e senza arrivare al nocciolo della questione. In effetti la verità è un pò diversa da come la fanno apparire. In realtà il comune deve riscuotere crediti da un certo numero di ditte e tutti fanno finta di niente, aspettando che decorrano i 5 anni, per fare andare tutto in prescrizione. Si ha quindi l’impressione di trovarsi in presenza di una strategia subdola tendente a favorire i soliti amici a danno dei cittadini onesti. Se la minoranza avesse avuto davvero intenzione di cambiare le cose…, avrebbe fatto i nomi delle ditte morose e avrebbe attaccato la maggioranza su quel fronte. Fin quando non vedremo avviarsi una procedura di recupero crediti multidirezionale, saremo portati a credere che questi signori ci stanno prendendo in giro.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.