Domenica 19 Agosto 2018
Evento il programma il 18 promosso da Archeoclub Area Jonica con ospiti illustri


"Ethos Mediterraneo", a S. Teresa viaggio tra storia, cultura e civiltà

15/07/2018 | CULTURA E SPETTACOLI

360 Lettori unici

Un vero e proprio “viaggio” tra storia, cultura e civiltà mediterranea con al timone la voce e gli scritti di coloro che questi temi li hanno studiati e raccontati. È l’evento “Ethos Mediterraneo”, che si terrà mercoledì 18 luglio alle ore 18 nel parco Unità d’Italia del Palazzo della Cultura di S. Teresa di Riva e si propone di approfondire il Mediterraneo siciliano nella sua dimensione di centralità culturale di civiltà diverse, in grado di parlare al futuro. L’iniziativa è organizzata da Archeoclub Area Ionica Messina, col patrocinio del Comune di S. Teresa e l’indispensabile collaborazione della casa editrice “Edizioni di storia e studi sociali”, guidata da Giovanna Corradini. Modererà il seminario Mariapia Crisafulli, socia Archeoclub e responsabile del progetto. Dopo i saluti del sindaco Danilo Lo Giudice e del presidente dell’Osservatorio Beni culturali, la professoressa Ninuccia Foti, il presidente Archeoclub Area Ionica, avvocato Filippo Brianni, introdurrà il seminario che prevede un vero e proprio dialogo tra quattro relatori di alto profilo: il dottor Fabio Caruso, il professor Massimo Cultraro, la professoressa Maria Costanza Lentini e il dottor Carlo Ruta.

Massimo Cultraro interverrà su “Mediterraneo prima di Omero”. Cutraro è archeologo, primo ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Catania e professore di Preistoria Egea e Paletnologia presso l'Università degli Studi di Palermo. E' stato direttore del Virtual Museum of Iraq Project, per la ricostruzione del Museo di Baghdad in Iraq promosso dal Ministero degli Affari Esteri italiano, e svolge ricerche in Georgia e nel Caucaso. Fabio Caruso, che parlerà di “dei, il mare e la città: religione e navigazione nella Sicilia antica”, è dottore di ricerca in Archeologia e Storia dell’Arte greca e Romana presso l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli. Attualmente opera presso l’Istituto dei Beni  Archeologici del CNR di Catania. Le sue ricerche riguardano principalmente i problemi  di iconografia e di iconologia della Grecia di età arcaica e classica, ed ha maturato particolare esperienza nel campo della ceramica figurata di età greca. È anche redattore del Lexicon Iconographicum Mytologiae Classicae, e sta lavorando ad una monografia sulle coppe attiche a figure nere provenienti dalla Stipe di Piazza S. Francesco a Catania. Lo scrittore Carlo Ruta, che relazionerà su “Il mondo punico nell'immaginario dei romani e l'egemonica politica dell'Occidente”, è un saggista studioso del Mediterraneo ormai conosciutissimo per i suoi studi e le sue pubblicazioni, tra cui di recente: Guerre solo ingiuste, 2010; Narcoeconomy, 2011; Colletti criminali, 2013; Il crepuscolo della Sicilia islamica, 2014; Cristiani e musulmani nella Sicilia normanna (con altri autori), 2015. Anche la Maria Costanza Lentini è conosciutissima nel comprensorio per l’attività che ha svolto presso il Museo archeologico di Naxos (il suo intervento sarà proprio “il porto e il complesso dell’Arsenale di Naxos”), da due anni dirige il Polo regionale dei siti culturali di Catania oggi direttore per i siti culturali di Catania. A Messina è già stata direttrice della sezione Archeologica di Messina, oltre che del museo di Naxos, dove ha diretto gli scavi della colonia greca. Nel comprensorio, tra l’altro, tra l’altro, ha pure diretto gli scavi al sito archeologico di Scifì di Forza d’Agrò. E’ stata a anche direttrice del museo archeologico di Gela, del museo della Villa del Casale di Piazza Armerina. Nel corso del seminario, i relatori toccheranno numerosi temi trattati in questi anni delle pubblicazioni di “Edizioni storia e studi sociali” di Messina.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.