Sabato 24 Febbraio 2018
Idea di un gruppo di giovani volenterosi. Claudio Siligato nominato presidente


Limina, nasce la Pro Loco per promuovere storia, turismo e tradizioni locali

di Redazione | 05/02/2018 | ATTUALITÀ

711 Lettori unici | Commenti 1

Claudio Siligato

Dall’idea di un gruppo di giovani, desiderosi di impegnarsi per il proprio paese per far sì che possa offrire di più, nasce anche a Limina la Pro Loco. L’associazione è stata costituita nei giorni scorsi allo scopo di promuovere le attività sociali, il turismo, la cultura, lo sport, la storia e l’enogastronomia locali e punta inoltre ad organizzare manifestazioni, convegni, mostre, gite fuoriporta, escursioni e tutte quelle attività volte a creare socializzazione tra i membri di una comunità, con un occhio di riguardo ai più giovani, che rappresentano il futuro di Limina. Il Consiglio direttivo è così composto dal
presidente Claudio Siligato, dal vice Nunzio Miano, da Concetta Galifi (tesoriere), Gianpiero Lo Giudice (segretario), dai consiglieri Antonio Filippo Zaccaria, Carmelo Puglia, Natale Lo Turco, Concetta Costa, Maylen Jaramillo, Filippo Ardizzone ed Emanuele Manoti e dai soci fondatori Sara Chillemi, Giuseppe Cannavò e Gabriella Noto. Fanno parte del Consiglio dei revisori dei conti Antonio Restifo (presidente), Claudio Restifo e Natale Manoti. La volontà di costituire la Pro Loco liminese è partita soprattutto dall’idea di tutelare le tradizioni, “nella consapevolezza che noi, genitori di bambini che diventeranno il futuro di Limina, non vogliamo perdere le nostre tradizioni, le nostre radici – spiegano i componenti – perché solo attraverso la conoscenza, si abbattono le differenze. Vogliamo diffondere le nostre tradizioni radicate nell’anima, come la festa del Patrono San Sebastiano Martire, il Carnevale, la Festa di San Filippo d’Agira a maggio con la tipica discesa al passo Murazzo e la tradizionale ed emozionante Ottava; le festività estive, con le tradizionali serate in piazza, come la “zuccata” l’ultimo dell’anno, la cui fiamma avvicina tutti in una delle notti più fredde. Vogliamo tenere vivo quel filo tra le generazioni, anche attraverso i tornei di calcetto a cui parteciperanno i figli di coloro che li hanno già giocati nei decenni addietro.Mostrare ai bambini come giocavano, cosa mangiavano e come parlavano i loro nonni. Questo è un patrimonio che non vogliamo e non dobbiamo perdere, questo significa essere una comunità”. L’associazione attende il riconoscimento della Regione nell’Albo delle Pro Loco prima della presentazione ufficiale che avverrà nelle prossime settimane ma è già al lavoro: nel corso di questa settimana organizza serate danzanti per Carnevale e sabato una festa in maschera per i bambini. “La Pro Loco di Limina non è legata in alcun modo ad associazioni sindacali, partiti e movimenti politici e non persegue fini di lucro – evidenziano i promotori – e per questo tutte le persone che svolgono attività politica, che hanno ruoli nell’amministrazione comunale o che intendono candidarsi a una qualunque carica politica o amministrativa non potranno richiedere di entrare a far parte del direttivo. Potranno comunque partecipare attivamente alle attività dell’associazione aderendo al tesseramento in corso nell’Assemblea dei soci”.


COMMENTI

NUNZIO ALIBRANDI | il 08/02/2018 alle 09:00:28

In bocca al lupo. buon lavoro . Vi seguirò.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.