Mercoledì 23 Agosto 2017
Consegnato a Catania per aver superato il 65%. A novembre raggiunto l'80%


S. Teresa tra i comuni virtuosi: premio dalla Regione per i risultati della differenziata

di Andrea Rifatto | 06/04/2017 | AMBIENTE

2310 Lettori unici | Commenti 1

Lombardo, Trimarchi, Veri, Gugliotta e Crisafulli

Consegnato questa mattina al comune di S. Teresa di Riva il premio della Regione siciliana destinato ai comuni virtuosi che nell’ultimo trimestre del 2016 hanno superato il 65% di raccolta differenziata. La consegna è avvenuta presso il Centro Fieristico “Le Ciminiere”di Catania nel corso del convegno “Rifiuti, differenziata, comuni virtuosi, appalti ed emergenze. Attualità e prospettive”, organizzato dall’Ufficio Speciale per la Raccolta Differenziata nell’ambito della manifestazione “Progetto Confort-9° Salone Internazionale Energia, Ambiente e Architettura”. S. Teresa è stata premiata insieme ad altri 104 centri siciliani che hanno raggiunto performance elevate di differenziata, di cui 23 oltre il 65% e 51 che hanno superato il 50%, sempre nell’ultimo trimestre dello scorso anno, mentre altri 31 per aver raggiunto performance mensili oltre il 50%, grazie all’avvio della raccolta porta a porta. Il Comune santateresino è stato rappresentato a Catania dall’assessore all’Ambiente, Gianmarco Lombardo; dal presidente del Consiglio, Santino Veri, dal responsabile dell’Aro comunale, l’ingegnere Onofrio Crisafulli dell’Ufficio tecnico; dall’ispettore capo della Polizia municipale Giuseppe Trimarchi e da Francesco Gugliotta, responsabile della ditta Onofaro Antonino Srl, che gestisce i servizi di raccolta rifiuti e spazzamento stradale. A consegnare il premio l’ingegnere Salvatore Cocina, dirigente dell’Ufficio speciale per la Differenziata.

“Siamo pienamente soddisfatti per aver raggiunto tale risultato – ha detto l’assessore Lombardo – che non è dell’Amministrazione comunale ma di tutti i cittadini di S. Teresa, paese riconosciuto in tutta la Sicilia come esempio di rispetto ambientale. Oggi, ogni singolo cittadino, ha ricevuto questo attestato e abbiamo dimostrato con orgoglio che quando si marcia compatti verso un obiettivo giusto, non siamo inferiori ai comuni del nord né a nessun altro”. Secondo i dati la cittadina jonica si è attestata nell’ultimo trimestre del 2016 sull’80% di raccolta differenziata, mentre si attendono i dati dei primi tre mesi del 2017, già inviati a Palermo ma ancora non validati ufficialmente dall’Ufficio Differenziata e dall’Arpa. Oltre a S. Teresa, tra i premiati vi è anche Roccafiorita, il più piccolo comune siciliano, che ha ricevuto una menzione per aver raggiunto performance mensili elevate oltre il 50% nel corso di un mese dell’ultimo trimestre 2016: l’Amministrazione comunale non ha però potuto partecipare alla cerimonia per impegni in paese. In provincia di Messina gli altri comuni premiati per aver superato il 65% di differenziata sono Pettineo, Torregrotta, Villafranca Tirrena e Saponara. Oltre il 50% San Pier Niceto, Rometta, Furnari, Pace del Mela, Roccavaldina, Montalbano Elicona, Santo Stefano Camastra, Venetico, Caronia, Falcone, Galati Mamertino, Mazzarà Sant’Andrea, Rodi Milici, Terme Vigliatore.

Con l’evento di oggi la Regione ha voluto riconoscere la buona amministrazione di sindaci, assessori, tecnici e aziende di gestione dei rifiuti dei comuni virtuosi in Sicilia. Nel 2015 la differenziata era ferma al 12,80%, i comuni che avevano avviato la raccolta porta a porta erano solo 35 che includevano solo 100.000 siciliani; oggi, nel primo trimestre del 2017, si contano ben 700.000 abitanti che, grazie a sistemi efficaci implementati dai loro comuni di residenza, hanno adottato l’abitudine di differenziare i propri rifiuti a casa dando inizio a questo circolo virtuoso che si attesta al 20%. Al convegno sono intervenuti l’assessore regionale dell’Energia Vania Contrafatto; il dirigente generale del Dipartimento Acqua e Rifiuti Maurizio Pirillo; il vicepresidente Anci Sicilia Paolo Amenta; l’assessore ai Lavori pubblici di Catania Luigi Bosco; il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Catania Santi Cascone. Presenti anche rappresentanti dei consorzi di riciclo Walter Facciotto (Conai), Massimo Di Molfetta (Corepla), Emma Schembari (Comieco) e Massimiliano Avella (Coreve); per le associazioni Alfredo Tamburino (Legambiente Sicilia), Elio D’Amico (Rifiuti Zero Sicilia), Anna Bonforte Papale (Zero Waste Sicilia).


COMMENTI

Daniele | il 06/04/2017 alle 14:58:03

W il mio paese e W Cateno de Luca

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.