Venerdì 10 Luglio 2020
Seconda rete stagionale per l'attaccante giallorosso. Mercoledì recupero casalingo con l'Ischia


Lega Pro. Tavares salva il Messina: punto prezioso a Pagani

di Carmelo Micalizzi | 03/10/2015 | SPORT

1646 Lettori unici

Paganese e Messina portano a casa un punto a testa nell'incontro del campionato di Lega Pro, girone C, valevole per la quinta giornata di campionato. A Pagani, dove si giocava una sfida dal sapore particolare con la formazione di Arturo di Napoli che incontrava per la prima volta in questo campionato l’ex Gianluca Grassadonia alla guida della sua Paganese capolista, finisce 1-1. In terra campana è andato scena un match sostanzialmente equilibrato, sbloccato da un episodio a favore dei padroni di casa, ma che ancora una volta vede la reazione degli uomini in casacca giallorossa capaci di agguantare e conservare il pari con estrema tranquillità. Unica nota negativa, l’infortunio di Padulano, portato via in ambulanza dopo uno scontro con Marruocco. Il Messina, adesso a sei punti, attende l’Ischia nell’appuntamento casalingo di mercoledì, recupero della seconda giornata.

Di Napoli schiera il solito 4-3-3 con la linea difensiva composta da Martinelli, Palumbo e De Vito, ma con la novità Burzigotti dal 1’ al posto di Frabotta infortunato e Addario ancora una volta a difendere i pali al posto di Berardi, che sconta l’ultimo dei due turni di squalifica. A centrocampo Bramati, Fornito e Giorgione, mentre in avanti il tridente Gustavo, Cocuzza, Padulano. In panchina rientro di Baccolo, che aspetta il momento del debutto.
Nella prima frazione va in scena un match equilibrato, principalmente gestito dai padroni di casa, ma senza comunque particolari affanni per i peloritani, fino a una manciata di secondi dall’intervallo. Il Messina parte bene con una punizione dal limite procurata da Cocuzza e mal sfruttata da Gustavo (1’), poco dopo è Padulano a tentare da fuori con una conclusione deviata. La Paganese si affaccia dalle parti di Addario al sesto minuto con un tiro da fuori di Carcione, poi tre minuti dopo è Cicerelli a costringere Addario a salvarsi in corner con un intervento di piede. La partita sembra mantenere gli equilibri, nessuna delle due squadre riesce a trovare la via del gol. Per il Messina ottimo Giorgione in mezzo al campo e sempre buona la prestazione di Martinelli, macchiata da una leggerezza al minuto 17, quando un regalo a Cunzi stava per costare caro. A trovare la migliore palla gol sono i siciliani al 35’: corner di Gustavo per Martinelli che esce dai blocchi e in semi sforbiciata manca incredibilmente la porta. Proprio quando il risultato dei primi 45’ sembra essere deciso, ancora una leggerezza nel retropassaggio di Burzigotti costringe Addario ad una sciagurata uscita: il fallo su Cunzi costa il giallo all’estremo difensore e il penalty che Caccavallo trasforma con un beffardo cucchiaio. Unico della Paganese a non esultare, proprio Gianluca Grassadonia in panchina.

Se nella prima frazione era stata la Paganese a tenere in mano il pallino del gioco, nella seconda è il Messina a mettere elmo e corazza e a cercare di ribaltare le sorti di un match che a dire il vero, non aveva visto demeritare gli undici di Di Napoli. Al 49’ Cocuzza fa sponda per Gustavo che al volo di sinistro colpisce l’esterno della rete, poi sono ancora gli ospiti a cercare senza fortuna la via del gol. Al 57’ il tecnico peloritano decide di dare una scossa al match cambiando uomini e assetto tattico: l’ingresso di Tavares modifica la disposizione degli undici in campo in un 4-4-2 con Gustavo e Padulano larghi a centrocampo a sostegno di Fornito e Giorgione, Cocuzza-Tavares tandem offensivo. Il Messina c’è e si fa vedere sfiorando il gol al 63’ quando un’indecisione difensiva rischia di costare carissima agli azzurrostellati: Marruocco esce al limite dell’area e viene saltato da Tavares che però perde il tempo della conclusione e viene fermato perdendo una clamorosa chance. E’ il preludio al gol che avviene al 67’, proprio mentre Dario Barraco sta per svestire la pettorina. Gustavo calcia una punizione dalla trequarti e pesca in area Tavares che come a Monopoli salta altissimo e anticipa il portiere di casa in uscita mettendo in rete il gol dell’1-1.

La Paganese si rende pericolosissima con una mischia in area su corner trenta secondi dopo ma poi accusa il colpo concedendo al Messina il completo controllo sulla partita. Succede poco fino alla fine del match, che sfortunatamente regala un’ultima emozione in negativo all’88’ con l’infortunio di Padulano, condotto in ospedale per accertamenti, travolto al limite dell’area da Marruocco in uscita come un treno in corsa. Da segnalare una rete annullata al 95’ a Martiniello per posizione di fuorigioco.

 

TABELLINO
 

PAGANESE – MESSINA 1 - 1

Reti: 44’ rig. Caccavallo (P), 67’ Tavares (M)

PAGANESE (4-3-3): Marruocco, Esposito, Bocchetti, Carcione, Rosania, Magri, Berardino (86’ Martiniello), Guerri, Cicerelli (65’ Gurma), Caccavallo, Cunzi. A disposizione: Esposito, Schiavino, Palomeque, Sorbo, Grillo, Formisano, De Feo. All.: Gianluca Grassadonia

MESSINA (4-3-3): Addario, Palumbo, De Vito, Bramati (57’ Tavares), Martinelli, Burzigotti (78’ Russo), Fornito, Giorgione, Cocuzza, Gustavo, Padulano (90’ Baccolo). A disposizione: Di Stasio, Barraco, Frabotta, Barilaro, Salvemini, Fusca. All.: Arturo Di Napoli

Arbitro: Manuel Volpi di Arezzo

Ammoniti: Cunzi, Berardino, Esposito (P), Giorgione, Addario (M)

Recupero: 0’ pt, 6’ st

Più informazioni: acr messina lega pro 15-16  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.