Venerdì 21 Settembre 2018
Marcia indietro della società per la B2. Giorgianni chiede di rispettare gli accordi


Amando Volley, Lama rimane presidente: attriti con la Pallavolo Roccalumera

di Andrea Rifatto | 01/07/2018 | SPORT

906 Lettori unici

Pippo Giorgianni e Andrea Lama

L’Amando Volley S. Teresa fa dietrofront e lascia presidente Andrea Lama. O meglio, come presidente della Pallavolo Roccalumera, sodalizio che lo scorso anno ha consentito alla neonata Amando di disputare il campionato di Serie B2 femminile, visto che per acquisire il titolo era necessaria una società iscritta alla Federazione Volley da almeno due anni. Quando era già stato deciso di affrontare la stagione pallavolistica 2018/2019 con il nome di Amando Volley S. Teresa, così come confermato da Lama, ed era stato indicato come presidente Fabio Coco, attuale vice, i dirigenti hanno deciso di tornare sui loro passi lasciando Andrea Lama presidente e proseguendo l’attività in Serie B2 con il nome di Pallavolo Roccalumera. Anche se Pippo Giorgianni, storico allenatore e patron del Roccalumera, non ha detto ancora l'ultima parola su questa decisione. Sì perché i rapporti tra lui e una parte della dirigenza che lo scorso anno ha fatto ingresso nella sua società sono tesi da tempo. Giorgianni non avrebbe gradito diverse scelte gestionali e ha chiesto ai fondatori dell’Amando, società sulla carta presieduta da Agostino Santarelli, capo della tifoseria, ma di fatto “vuota” e utilizzata solo per disputare i campionati giovanili, di rispettare gli accordi presi lo scorso anno. Questioni che sarebbero dovute essere affrontate nel corso di una riunione prevista per venerdì sera ma che è slittata alla settimana prossima.

Gli attriti sono nati soprattutto per questioni di carattere economico. La Pallavolo Roccalumera ha un debito di circa 13mila euro per il mancato versamento dell’Iva delle sponsorizzazioni della B2, somma che Pippo Giorgianni ha chiesto a Lama e soci di provvedere a versare visto che hanno avuto loro la gestione durante la scorsa stagione, così da eliminare ogni passività dai bilanci della società e non avere pendenze con il Fisco. Anche perché, al contrario di quanto si è vociferato, Giorgianni ha già detto di non avere intenzione di fondare un nuovo sodalizio lasciando Roccalumera in mano al gruppo Amando, ma vuole rimanere legato alla sua “creatura”. I fondatori dell’Amando, dal canto loro, vogliono proseguire a disputare la B2 femminile come Pallavolo Roccalumera anche perché, come confermato dal presidente Lama, il passaggio di società comporterebbe, tra iscrizione al campionato e altri adempimenti, un esborso di circa 6mila euro che graverebbe sulle casse già in rosso a causa degli stipendi arretrati da versare alle giocatrici, che ammontano a circa 25mila euro. Dunque meglio lasciare tutto così com’è. Andrea Lama, che aveva già dichiarato di non voler più fare il presidente, è tornato ad essere “corteggiato” dagli altri dirigenti e ha deciso di rimanere al vertice, assumendosi oneri e onori. Dovrà adesso anche provare a rinsaldare i rapporti tra i soci, visto che vi è stata una frattura causata da divergenze di vedute che hanno inciso anche sulla partenza dell’allenatore Nino Gagliardi, che non vedendo evidentemente unità di intenti ha deciso di salutare. Adesso bisognerà attendere l’incontro con Pippo Giorgianni per dirimere la questione della partecipazione alla B2: il tempo stringe, nei prossimi giorni bisognerà formalizzare le riaffiliazione.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.