Martedì 28 Maggio 2024
Niente adeguamento delle indennità (non serve rinuncia), senza obbligo di quota al partito


Taormina, De Luca dice no a stipendi più alti per gli assessori e li esenta dalla "tassa"

di Andrea Rifatto | 29/10/2023 | POLITICA

1434 Lettori unici

Il sindaco e gli assessori non costeranno di più al Palazzo

La definisce “una questione di etica e di estetica”, con l’obiettivo di mostrare la volontà di instaurare un regime di austerity all’interno del Palazzo. Il sindaco Cateno De Luca stabilisce di non introdurre a Taormina l’aumento delle indennità di carica degli amministratori, previsto dalla Legge regionale 13/2022 che ha reso applicabili anche in Sicilia gli adeguamenti degli stipendi di sindaci, assessori e presidenti del Consiglio fissati dalla normativa nazionale. Una facoltà concessa ai Comuni che diversi enti nel comprensorio hanno già sfruttato nei mesi scorsi, approvando delibere e determine per modificare gli importi. “Mi è giunta sul tavolo la proposta di adeguamento ma ho detto no - dice De Luca - io non percepisco nulla perchè sono deputato regionale e con una sola indennità svolgo due ruoli, non sono d’accordo ad adeguarle ma non perchè non tocca la mia tasca, ma perchè il Comune è in dissesto e ho dovuto aumentare tutto per evitare il secondo, non me la sento davanti ai miei concittadini, pur se le legittimo, di portare gli importi al massimo”. Attualmente l’indennità del sindaco a Taormina è pari a 3mila 098 euro e passerebbe da gennaio 2024 a 4mila 140 euro, quella del vicesindaco varierebbe da 1.704 a 2mila 277 euro, gli assessori guadagnerebbero 1.863 anzichè gli attuali 1.394 euro, mentre il presidente del Consiglio salirebbe da 1.380 euro a 1.863 eur, visto che è equiparata a quella dell’assessore. Aumenti che su richiesta dei Comuni possono essere coperti dalla Regione, che ha stanziato 6 milioni di euro all'anno per il triennio 2023/2025.

“I ragazzi non hanno battuto ciglio - ha detto il sindaco riferendosi ai membri della sua giunta - sono ogni giorno a fare gli assessori a tempo pieno e chi lavora per la propria comunità è giusto che venga pagato perchè rischia, come fatto a Messina, ma Taormina ha una situazione particolare, aumentare le indennità in un comune in dissesto è poco opportuno, quando usciremo da questa situazione le adegueremo”. Il sindaco ha sostenuto che bisognerà rinunciare espressamente all’aumento dell’indennità e di volerlo proporre anche ai consiglieri comunali: “Credo che in maggioranza siano d’accordo, se la minoranza vorrà aderire…”. In realtà l’adeguamento non è automatico e scatta solo se stabilito con un provvedimento, mentre per i consiglieri si applica un’altra norma, la Legge regionale 7/2023 (art. 38), come avvenuto di recente a Messina, riguardante l’adeguamento dei gettoni di presenza, a Taormina fissati in 21,97 euro a seduta ma aumentabili fino ad un massimo di 1.035 euro mensili. Cateno De Luca ha concesso però ai suoi assessori una particolare “esenzione”: in cambio del mancato incremento degli stipendi, li ha esonerati dal versare a Sud chiama Nord la quota del 15% dell’indennità: secondo lo statuto del partito per il socio ambasciatore, ossia colui che riveste cariche pubbliche istituzionali, è previsto un contributo per le attività da versare periodicamente nella misura del 10% dell’indennità lorda per il ruolo istituzionale ricoperto nelle autonomie locali e un altro 5% come contributo straordinario per contribuire alle spese delle campagne elettorali sovracomunali.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.