Giovedì 11 Agosto 2022
Tavolo pubblico con tutti i soggetti interessati per discutere la problematica


Sospensione del mercato a Nizza: minoranza chiede incontro pubblico

di Redazione | 08/09/2018 | POLITICA

1962 Lettori unici | Commenti 1

I consiglieri di minoranza

La sospensione del mercato quindicinale di Nizza decisa dal sindaco Piero Briguglio, a partire da mercoledì 12 settembre, in conseguenza al provvedimento di chiusura del ponte Fiumedinisi sulla Strada statale 114, ha portato il gruppo di minoranza “RinnoviAmo Nizza” a chiedere la convocazione a carattere d’urgenza di un incontro pubblico con la presenza di tutte le forze politiche, commercianti, posteggiatori ambulanti, autotrasportatori e forze dell’ordine. I consiglieri Giovanni Vega, Carlo Gregorio e Nella Foscolo evidenziano, “nell’interesse ed a tutela della cittadinanza, dei commercianti e dei posteggiatori ambulanti, che la problematica investe, in maniera significativa, gli ambulanti posteggiatori, i commercianti  e la collettività” e chiedono l’incontro “al fine del perseguimento di una soluzione condivisa, nel rispetto della democrazia partecipata”.

Il sindaco si è visto costretto a sospendere il mercato quindicinale in quanto la zona nord lungomare è divenuta di fatto l’unica via principale di collegamento con Alì Terme dove si è spostato tutto il traffico da e verso la passerella provvisoria sul torrente Fiumedinisi e dunque per motivi di sicurezza non sarà possibile allestire la fiera. “Non era possibile deviare la circolazione nelle vie interne – ha spiegato Briguglio - anche perché nella zona nord del paese ricadono un supermercato, una scuola e dunque quotidianamente è già molto trafficata. Avevamo già pensato nei mesi scorsi di spostare i 140 ambulanti del mercato a ridosso del torrente ma i tempi non saranno brevi, visto che serve il nulla osta dal Demanio fluviale oltre che bisogna attrezzare l’area”.


COMMENTI

massimo | il 08/09/2018 alle 14:54:49

Ringrazio i nostri amministratori locali maggioranza e opposizione per la celerità nel svolgere il loro ruolo istituzionale , ad oggi dopo anni di ed anni di scandali dalle bretelle a rischio inondazione cosa avete chiesto all?ANAS , mi preme far presente anche a questi signori parlando della raccolta differenziata !!bravissimi amministratori avete pensato a creare i servizi dove le famiglie con bambini o persone con familiari allettati possono usufruire da quello che oggi un un paese civile manca , la politica potete farla in piazza , ma sinceramente mi sembrate degli allerchini questo e il Sud , prima le regole poi i Servizi , non i Servizi con le regole , comunque l'impegno c'è possiamo fare dei tornei in spiaggia, perche siamo da ultima spiaggia , fate piangere più che ridere .

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.