Martedì 29 Settembre 2020
Il commiato del sindaco, che lascia la politica locale relazionando sul mandato


Savoca, Nino Bartolotta si congeda dopo 25 anni: "Sarò sempre a disposizione del paese"

di Andrea Rifatto | 05/09/2020 | POLITICA

979 Lettori unici

Bartolotta con Crupi, Ristuccia e Salemi

“Concludo la mia esperienza con soddisfazione, sarò sempre a disposizione del mio paese”. Il sindaco di Savoca, Nino Bartolotta, si congeda dalla politica savocese dopo aver trascorso 25 dei suoi 50 anni in municipio, ricoprendo i ruoli di assessore (dal 1993 al 1997), vicesindaco (dal 1997 al 2002) e sindaco (dal 2002 al 2012 e dal 2015 a oggi). Ha infatti deciso di non ricandidarsi in alcun ruolo alle Amministrative del 4 e 5 ottobre e ha salutato il Consiglio comunale, nel corso della penultima seduta della legislatura, consegnando la relazione di fine mandato e ringraziando consiglieri, assessori e dipendenti comunali, non senza qualche attimo di commozione, per aver contribuito all’attività politico-amministrativa e collaborato al suo fianco in questi anni. “Ho avuto l’onore e l’onere di rappresentare in tutti questi anni il mio paese e i miei concittadini, di essermi formato e cresciuto politicamente nella ‘strada’ e tra la ‘gente’ - ha detto - ricevendo la gratificazione e la stima dei savocesi che non mi hanno mai fatto mancare il loro ampio consenso”. Nel documento Bartolotta ha evidenziato come in questi cinque anni l’attività amministrativa sia stata rivolta prioritariamente al risanamento finanziario e contenzioso dell’Ente (grazie alla concreta azione di contenimento della spesa corrente, alla rinnovata attività di recupero crediti, all’alienazione di beni privi di pubblica utilità che ha fatto introitare 83mila euro, alla istituzione dei parcheggi a pagamento e all’adesione all’anticipazione di liquidità con Cassa Depositi e Prestiti), ai servizi essenziali (raccolta differenziata porta a porta, riorganizzazione e riqualificazione plessi scolastici, attività per la terza età e aiuti ai soggetti svantaggiati), alla progettazione e realizzazione di opere pubbliche per un totale di 13,7 milioni di euro e alla promozione turistica e valorizzazione dei beni culturali. 


“Ho visto sviluppare e crescere turisticamente il mio paese che, oltre ad essere oggi riconosciuto come uno de “I Borghi più Belli D’Italia”, nell’ultimo ventennio è passato da zero a oltre duecento posti letto - ha evidenziato Bartolotta - il noto portale turistico “viaggiare.it” nel 2017 ha indicato Savoca come terzo “borgo” più visitato al mondo, il prestigioso quotidiano londinese “The Guardian” gli ha dedicato la copertina dell’inserto turistico e il nostro paese al pari di altre realtà turistiche più blasonate d’Italia, è tra i primi in Sicilia per visitatori”. Il sindaco uscente ha espresso soddisfazione soprattutto per aver portato a termine il Piano regolatore generale, “avendo il coraggio di pubblicarlo prima delle elezioni per farlo consultare ai cittadini, senza usarlo come mezzo per contrattare”, per la stabilizzazione dei 10 precari storici del Comune e per l’avvio dei lavori sulla strada Rina-Savoca. “Spero e mi auguro che Savoca e i savocesi riescano a salvaguardare e migliorare il percorso intrapreso - ha concluso Nino Bartolotta - nel rispetto dell’identità dei luoghi, della dignità e della bellezza che ha sempre contraddistinto il borgo”. Come lui hanno deciso di non ricandidarsi alle elezioni i consiglieri uscenti Giulia Ristuccia e Fabio Crupi e l’assessore Enico Salemi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.