Domenica 24 Ottobre 2021
Chiesti chiarimenti all'Amministrazione sull'attivazione dei due servizi per gli studenti


Sant'Alessio, si torna a scuola e quattro consiglieri interrogano su mensa e scuolabus

di Andrea Rifatto | 16/09/2021 | POLITICA

557 Lettori unici

Il plesso scolastico alessese

Si torna in classe oggi nelle scuole di Sant’Alessio Siculo, ma a differenza di altri paesi non si hanno notizie sui servizi scolastici di competenza del Comuni, come la mensa e lo scuolabus. Così i consiglieri di minoranza Concetto Fleres, Rosanna Fichera, Giuseppe Bartorilla e il collega indipendente Nino Lo Monaco hanno deciso di presentare un’interrogazione a risposta scritta al sindaco Giovanni Foti e all’assessore alla Pubblica Istruzione Saro Trischitta, chiedendo notizie su quali siano le intenzioni dell’Amministrazione comunale. In particolare si punta a sapere “se i due servizi saranno attivati fin dal primo giorno di scuola, prendendo esempio dai comuni limitrofi” e in caso di risposta negativa “le motivazioni per le quali l’Amministrazione non sia stata capace di programmare, per tempo, l’avvio di mensa e scuolabus” e “in subordine le date di inizio di tali fondamentali servizi”. I quattro consiglieri evidenziano come le scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado di Sant’Alessio svolgano le attività didattico-educative anche nelle ore pomeridiane fin dall’inizio dell’anno scolastico e ritengono come sia “inconcepibile che un bambino di tre anni rimanga a scuola fino alle 16.30 consumando solo il panino e non si può sperare che la famiglia lo prelevi a conclusione del turno antimeridiano per poi riportarlo a scuola il pomeriggio. Analoga situazione - sottolineano - si registra nei rientri pomeridiani della scuola primaria, oltre che per i pomeriggi del tempo prolungato della scuola secondaria di primo grado”. Sullo scuolabus Fleres, Fichera, Bartorilla e Lo Monaco contestano all’Amministrazione “di avere altre priorità come quella della navetta estiva”, ritenendo invece che il servizio di trasporto scolastico “sia indispensabile in un paese articolato in frazioni e con zone distanti dalle scuole e che pertanto pertanto bisogna garantirlo con un mezzo omologato a tale scopo, così come avviene negli altri comuni”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.