Venerdì 21 Settembre 2018
Stop in Consiglio alla proposta dell'Amministrazione per una nuova rete


Sant'Alessio, la maggioranza si divide e boccia la fibra ottica

di Andrea Rifatto | 16/05/2018 | POLITICA

1105 Lettori unici

I recenti lavori per la fibra ottica

Maggioranza divisa a Sant’Alessio e non passa in Consiglio comunale la proposta dell’Amministrazione per la realizzazione di una ulteriore fibra ottica. Con quattro voti favorevoli, due contrari e due astenuti l’assemblea ha bocciato la delibera per l’approvazione di una convenzione tra la Regione, il Comune e Infratel Italia per la posa di una rete in fibra ottica destinata alla banda ultra larga internet. La proposta è stata votata dal presidente Domenico Aliberti e dai consiglieri di maggioranza Alessio Fichera, Giovanni Saccà e Alessandra Marisca, mentre si sono astenuti Nino Lo Monaco e Rosario Trischitta e hanno votato contrario Concetto Fleres e Giuseppe Bartorilla per la minoranza. Assenti Virginia Carnabuci in maggioranza e Rosa Anna Fichera per l'opposizione). Il sindaco Giovanni Foti ha spiegato come Infratel, società in house del Ministero dello Sviluppo Economico e soggetto attuatore del Piano nazionale Banda Larga, abbia proposto di passare un’ulteriore linea in fibra ottica, visto che ne è già esistente una posata dalla Telecom, e che sarebbero stati realizzati 400 metri di scavi in minitrincea anziché i 2.000 previsti inizialmente dalla società, in quanto per una parte sarebbe stato utilizzato il cavidotto interrato durante la metanizzazione. Un intervento giudicato non invasivo, a cui avrebbe fato seguito il ripristino dell'asfalto, e per tale motivo condiviso dall’amministrazione, che ha seguito la questione anche tramite l’esperto del sindaco Pina Smiroldo. “Siamo favorevoli all’innovazione che porta la fibra ma questa convenzione non dà garanzie per il Comune e lasciamo troppo campo libero alla Infratel – hanno però rilevato Trischitta e Lo Monaco – senza contare che le strade sono state asfaltate da poco tempo dopo la rete del metano e andremmo a scavare nuovamente. E poi, ad esempio, non è previsto il rifacimento della segnaletica orizzontale dopo i lavori”. “Sicuramente è importante la fibra – ha aggiunto Fleres – ma la convenzione presenta molte lacune”. Dunque nulla da fare e bocciatura della proposta, che tra l’altro sembrerebbe sia arrivata in Consiglio senza prima essere discussa al’interno della maggioranza. Circostanza che ha non è andata già a qualche consigliere.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.