Mercoledì 28 Settembre 2022
Il Consiglio dice no a tre mozioni, ma rimane aperto uno spiraglio per collaborare


Sant'Alessio, bocciate tutte le proposte della minoranza: scontro sulla Consulta giovanile

di Andrea Rifatto | 16/09/2022 | POLITICA

639 Lettori unici

La seduta del Consiglio comunale

Incassa tre bocciature su altrettante proposte la minoranza di Sant’Alessio Siculo, che si è vista respingere in aula dalla maggioranza le mozioni sull’istituzione della Consulta giovanile, sull’attivazione del servizio segnalazioni tramite Whatsapp e sulla trasmissione in diretta Facebook delle sedute del Consiglio comunale. Il dibattito si è sviluppato in particolare sul primo argomento, con l’intervento dalla maggioranza di Roberto Bartorilla che ha subito bollato il regolamento per la Consulta proposto dell’opposizione come illegittimo, contraddittorio e complesso, frutto di un copia e incolla sconclusionato”. “La Consulta è uno strumento utile e opportuno - ha detto - ma non l’unico per coinvolgere i giovani, ci sono le istanze, le petizioni, i referendum, i Consigli aperti, i comitati, le associazioni. La vostra proposta mi sembra solo uno strumento per mettere i giovani della maggioranza dinanzi ad un fatto compiuto e dire che ci sono anche altri giovani a Sant’Alessio. Torniamo con i piedi per terra, io penso che i giovani vadano coinvolti attivamente nella vita politica, non con un regolamento illegittimo, sconclusionato e contraddittorio, pieno di errori, presentato in aula solo per buttarla in caciara. Se vogliamo coinvolgerli veramente - ha aggiunto - troviamo altre soluzioni, siamo disponibili a rivedere il regolamento ma questo va bocciato perchè è una barzelletta”. 

Dall’opposizione ha replicato la consigliera Cristina Triolo: “Si tratta di un documento bozza, frutto del lavoro di giovani che non hanno le tue competenze e che hai denigrato - ha detto rivolgendosi all’esponente di maggioranza - accetto che ci siano degli errori, ma mi sarei aspettata la proposta di rivederlo insieme”. Poi al momento del voto si è astenuta per protesta, mentre i due colleghi di minoranza hanno espresso voto favorevole sulla mozione e i sette di maggioranza contrario. “I giovani della maggioranza sono stati incoerenti e hanno bocciato le nostre mozioni per partito preso - ha commentato Triolo dopo la seduta - e il consigliere Bartorilla, che si è proposto in politica come rappresentante del gruppo giovanile, ha agito con supponenza”. Il presidente Santo Foti, evidenziando che “in questa aula nessuno fa barzellette e tutti i consiglieri possono esprimere il loro pensiero”, ha auspicato un confronto tra i capigruppo per stilare insieme un nuovo regolamento. Bocciate con sette voti contrari e tre favorevoli le altre due mozioni, sulle quali non è stata aperta alcuna discussione.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.