Sabato 31 Luglio 2021
Il consigliere ha presentato una mozione illustrando il suo progetto "Ever Green"


S. Teresa, terreni incolti ai cittadini per creare lavoro e sviluppo: l'idea di Casablanca

di Redazione | 14/07/2020 | POLITICA

1232 Lettori unici

Il consigliere comunale Carmelo Casablanca

Concedere i terreni agricoli incolti di Santa Teresa, sia privati che pubblici, a cittadini che vogliono avviare un’impresa agricola, consentendo così di rilanciare quella parte di economia locale basata sull’agricoltura e l’allevamento e creando nuove opportunità di lavoro e sviluppo. È la proposta lanciata dal consigliere comunale indipendente Carmelo Casablanca, formalizzata nel progetto “Ever Green”, presentato all’Amministrazione e al Consiglio con una mozione in cui si chiede di valutare la sua iniziativa. “In questi ultimi anni, ma soprattutto a causa della pandemia, l’agricoltura sta attraversando un periodo molto difficile e delicato per la crisi economica e finanziaria che ha colpito gli agricoltori e a seguire tutto l’indotto della filiera agroalimentare - spiega Casablanca - che hanno subito una progressiva riduzione del loro margine reddituale a seguito della forte volatilità dei prezzi e dell’ampliamento della forbice tra prezzi alla produzione e prezzi al consumo. L’abbandono e l'incuria, da parte dei privati, di taluni appezzamenti di terreni comporta un proliferare di vegetazione, rovi e sterpaglie, causa predominante di un elevato pericolo di incendi nei terreni incolti e/o abbandonati - evidenzia inoltre - con conseguente grave pregiudizio per l'incolumità delle persone e dei beni e il nostro Comune risulta ad oggi proprietario di aree e particelle di terreno senza alcuna destinazione d’uso”. Secondo il consigliere “il settore agricolo deve essere fortemente sostenuto con scelte politiche ardue e coraggiose, soprattutto in considerazione dell’importante ruolo che esso assume sia nell’economia locale che regionale e nazionale, e l’agricoltura può fornire in tale contesto socio-economico una valida soluzione all’assorbimento della disoccupazione generale e di quella giovanile in particolare, nonché allo sviluppo di attività complementari di tipo sociale e ambientale oltre che economiche”. 

Da qui l’idea di proporre un progetto che ricalca il modello della “banca della terra”, avviato da anni e con successo a livello nazionale, suddiviso in tre fasi ripartite in un arco temporale di circa di 6/8 mesi che vanno dal censimento dei terreni da concedere, tramite varie forme contrattuali, a chi vuole avviare un’impresa, dando così la possibilità di mettere in contatto la domanda e l’offerta di terreni improduttivi o in stato di abbandono ma con grandi potenzialità per essere messi a coltura, fino al coinvolgimento di cittadini interessai a creare cooperative agricole, società e imprese individuali, passando per la redazione di un piano economico e finanziario per la realizzazione dell’iniziativa. “Un buon modo per ridare spinta alla produzione e distribuzione di cibo biologico e a km zero - evidenzia il consigliere - incoraggiare l’imprenditoria giovanile, diminuire il rischio di incendi che, com’è noto, è altissimo nei terreni incolti ed inoltre dare un aiuto concreto a chi ha ereditato dai genitori o nonni un terreno Utilizzato per uso familiare”. Casablanca ha chiesto quindi ad Amministrazione e Consiglio di valutare la bozza del progetto “Ever Green” da lui redatta, “con la possibilità di apportare modifiche e/o migliorie atte al raggiungimento dell’obiettivo finale di mettere a disposizione uno strumento utile correlato da un ben definito piano economico e finanziario per il rilancio dell’economia locale”. La proposta verrà discussa prossimamente in Consiglio comunale.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.