Martedì 29 Settembre 2020
Due consiglieri lamentano il mancato riscontro ad un'interrogazione di luglio


S. Teresa, terreni comunali occupati da privati: il sindaco non risponde e viene diffidato

di Andrea Rifatto | 29/08/2020 | POLITICA

594 Lettori unici

Una delle aree chiusa da privati

Continuano ad essere occupate dai privati alcune aree comunali di Santa Teresa che sulla carte dovrebbero essere destinare a verde pubblico dopo la cessione all’Ente a seguito di lottizzazioni ma che nella realtà sono utilizzate per altro, in qualche caso addirittura come orto o recintate con reti e cancelli. Come abbiamo mostrato nelle scorse settimane, infatti, diversi terreni a ridosso dei complessi edilizi “Massarenti” e “Glauco” sono detenuti da alcuni residenti e la gestione di queste aree sfugge al controllo del Comune. Dopo il nostro articolo due consiglieri di minoranza, Antonio Scarcella e Giuseppe Migliastro, hanno presentato un’interrogazione a risposta scritta al sindaco Danilo Lo Giudice per avere spiegazioni sulla vicenda ma a distanza di oltre un mese non hanno ricevuto riscontro. E così ieri hanno diffidato il primo cittadino a voler fornire chiarimenti all’interrogazione, “considerato - hanno scritto nella diffida i due esponenti di opposizione - che a tutt’oggi non è pervenuto alcun riscontro, circostanza questa tendente a mortificare il ruolo istituzionale e di controllo dei consiglieri di minoranza”. La nota è stata inviata anche al prefetto Maria Carmela Librizzi e all’Assessorato regionale Autonomie locali e Funzione pubblica-Servizio 3° Coordinamento dell'attività di vigilanza e controllo degli enti locali-Ufficio Ispettivo, per i provvedimenti di rispettiva competenza. 


La vicenda delle aree comunali occupate da privati è emersa dopo la seduta di Consiglio comunale del 29 giugno, nella quale è stato discusso il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari portato in Aula dall’Amministrazione, al cui interno era prevista la vendita di due particelle di terreno nella cooperativa “Massarenti” a Ligoria per 819 metri quadrati e otto particelle nella cooperativa “Glauco” a Casalotto per 1.584 metri quadrati: terreni che il Comune ha classificato come incolti e difficili da gestire, tanto da volerli vendere agli stessi residenti delle abitazioni adiacenti che hanno manifestato la volontà di acquistarli. Operazione che però è saltata dopo le perplessità (anche di ordine legale) espresse dai consiglieri di minoranza Scarcella e Migliastro e dalla collega di maggioranza Anna Dominici, che hanno portato la maggioranza a stralciare le dieci particelle dal Piano delle alienazioni. Il 27 luglio, quindi, i due consiglieri di opposizione hanno presentato un’interrogazione al sindaco Lo Giudice per sapere se sia stato effettuato un sopralluogo da parte dell’Ufficio tecnico al fine di accertare se vi è stata occupazione delle aree e, in caso affermativo, i provvedimenti emessi; qual è lo stato attuale di tali aree e se le stesse siano accessibili da parte della comunità santateresina; se le opere previste dal programma costruttivo risultano realizzate prima della cessione dei terreni al Comune e se è stato redatto un verbale di consegna delle aree e delle relative opere di urbanizzazione, chiedendone copia. Tutti interrogativi ai quali il primo cittadino non ha finora risposto e che hanno portato Scarcella e Migliastro a diffidarlo.

Più informazioni: terreni occupati s. teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.