Sabato 04 Luglio 2020
Minoranza incredula dopo la risposta all'interrogazione e la delibera di Giunta


S. Teresa, "Il sindaco si contraddice sulla stabilizzazione dei precari, dica la verità"

di Andrea Rifatto | 23/04/2018 | POLITICA

1311 Lettori unici

Il gruppo consiliare di minoranza

“Il sindaco mostra molta contraddizione: cerchi di schiarirsi le idee e di dire le cose come stanno sia a noi che alla cittadinanza”. Lo chiede il gruppo consiliare di minoranza “Insieme per cambiare” di S. Teresa di Riva, che esprime incredulità dopo la risposta ricevuta dal primo cittadino Danilo Lo Giudice all’interrogazione presentata il mese scorso per avere notizie sulla stabilizzazione del personale precario in forza al Comune. “Questo argomento merita un discorso dettagliato: non se ne è parlato per mesi e mesi, la nostra interrogazione sull’argomento ha rotto l’assordante silenzio di questa amministrazione e ‘puntuale’ come un orologio svizzero, al trentesimo ed ultimo giorno utile dal deposito della nostra interrogazione è arrivata la risposta del sindaco” – esordiscono i consiglieri Antonio Scarcella, Carmelo Casablanca, Giuseppe Migliastro e Lucia Sansone. “Una risposta vaga ed evasiva, di tenore decisamente diverso rispetto alle successive dichiarazioni sull’argomento dello stesso sindaco, certamente più rassicuranti per i diretti interessati rispetto a quanto risposto al gruppo ‘Insieme per cambiare’”.

L’opposizione spiega come Lo Giudice, con risposta inviata via pec dalla segreteria il 16 aprile alle ore 18,24, affermava che “…la programmazione dell’assunzione del personale nei tre anni dovrà comunque avvenire garantendo un adeguato accesso all’esterno e non può essere riservata esclusivamente al personale interno e ciò va a ridurre la possibilità di una generale stabilizzazione del personale”. “Alle ore 18,30, sempre del 16 aprile ‘ben 6 minuti dopo’ averci inoltrato la risposta – scrivono i cinque consiglieri – il sindaco propone, invece, alla Giunta (leggi l’articolo qui), di procedere all’assunzione, nel triennio, di 34 precari, mentre i titolari di contratto a tempo determinato al Comune di S. Teresa di Riva sono 32. Signor sindaco, delle due l’una – si chiedono Scarcella, Casablanca, Migliastro e Sansone – i precari li vuole stabilizzare tutti oppure sarà ridotta “la possibilità di una generale stabilizzazione del personale’ come da lei rispostoci? Perché ha ritenuto di darci una risposta diversa da quella che poi è stata deliberata dalla Giunta? Siamo veramente increduli, continueremo a vigilare e controllare l’operato dell’Amministrazione comunale, come si conviene al ruolo affidatoci  dagli elettori”.

Nella risposta il sindaco ha aggiunto che si è comunque in attesa delle determinazioni del Parlamento siciliano, che nella discussione inerente la Finanziaria sta adottando i provvedimenti atti ad emendare la normativa regionale per armonizzarla con quella nazionale, che di fatto non può, allo stato, essere derogata. “Nel ringraziarvi per la collaborazione – ha concluso Lo Giudice – si specifica che si è in attesa di conoscere il contenuto di tali modifiche”.

Più informazioni: precari s. teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.