Martedì 23 Ottobre 2018
Diffida della minoranza dopo la richiesta di documenti al Comitato di gemellaggio


S. Teresa-Fuveau: "Basta ostruzionismo, sindaco e presidente consegnino gli atti"

di Andrea Rifatto | 08/02/2018 | POLITICA

580 Lettori unici

Il gruppo di minoranza

“Tale ostruzionismo non è più consentito e diffidiamo il sindaco e il presidente del Comitato di gemellaggio a procedere al rilascio di quanto richiesto, avvertendo sin da ora che qualora permanga l’inerzia ad oggi registrata ci vedremo costretti a provvedere di conseguenza”. Il gruppo di minoranza consiliare “Insieme per cambiare” di S. Teresa di Riva torna alla carica sul Comitato di gemellaggio S. Teresa-Fuveau e questa mattina ha protocollato in Municipio una diffida ad adempiere indirizzata al primo cittadino Danilo Lo Giudice e alla presidente dell’organismo Marilena Stracuzzi per ottenere “la copia del verbale dell’assemblea straordinaria del Comitato di gemellaggio tenutasi lo scorso 12 dicembre per deliberare sulla bozza del nuovo Statuto, nonché l’ordine del giorno della stessa, gli avvisi di convocazione debitamente notificati ed ogni altro atto relativo a detta assemblea straordinaria”. Documenti, evidenzia la minoranza, già richiesti l’8 gennaio ma non consegnati. La diffida è stata inviata per conoscenza anche al prefetto di Messina e all’Ufficio Ispettivo dell’Assessorato regionale delle Autonomie locali. “Più volte questo gruppo consiliare ha espresso perplessità circa la procedura seguita per la modifica dello statuto del comitato di gemellaggio tra Santa Teresa di Riva e Fuveau – scrivono i consiglieri Antonio Scarcella, Carmelo Casablanca, Giuseppe Migliastro e Lucia Sansone – nonché sulla legittimità degli atti adottati dal Comitato stesso e dal Consiglio comunale con i soli voti del gruppo di  maggioranza. A tutt’oggi non ci sono stati consegnati gli atti richiesti l’8 gennaio, impedendo di fatto al gruppo consiliare ‘Insieme per Cambiare’ di svolgere il proprio compito istituzionale di controllo”.

Una parte della documentazione richiesta era stata consegnata in Municipio dalla presidente del Comitato lo scorso 29 gennaio, ma tra gli atti mancava il verbale dell’assemblea del 12 dicembre, chiesto nuovamente oggi dall’opposizione. “Ho sempre messo a disposizione dei soggetti richiedenti tutti gli atti che mi sono stati chiesti tramite la Pubblica Amministrazione di S. Teresa – aveva scritto Marilena Stracuzzi – e desidero però comunicare direttamente ai consiglieri di opposizione che tutti gli atti, i documenti, i verbali delle riunioni e quant’altro possa essere utile per il libero esercizio del diritto di conoscenza e controllo della mia attività rimangono a vostra completa disposizione”. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.