Sabato 28 Marzo 2020
Liquami sull'arenile e falle nella rete idrica: la minoranza contesta l'operato dell'esecutivo


Roccalumera. “L’Amministrazione fa acqua da tutte le parti”

19/09/2015 | POLITICA

1166 Lettori unici

Fuoriuscita di liquami alla foce del torrente Pagliara

“Altro che la tanto sbandierata programmazione: siamo di fronte ad un’Amministrazione poco attenta, anzi distratta e distaccata, che affronta lentamente e affannosamente i problemi che via via si presentano sul territorio”. Il gruppo consiliare di minoranza di Roccalumera bolla così l’esecutivo del sindaco Gaetano Argiroffi in seguito al verificarsi di alcuni inconvenienti che hanno interessato la rete idrica e la condotta fognaria. “Una semplice perdita di acqua verificatasi venerdì 11 settembre, prontamente segnalata all’Amministrazione – scrivono i consiglieri Rita Corrini, Giuseppe Melita, Maria Grazia Saccà, Antonella Totaro e Ada Maccarrone – è stata oggetto di intervento soltanto 6 giorni dopo. Infatti, con ordinanza sindacale n. 44 del 17 settembre, avente ad oggetto ‘Ordinanza in materia di igiene–Lavori pronto intervento per la riparazione tratto di condotta idrica sulla via Umberto I all’ingresso del paese lato Nord”, l’Amministrazione ha inteso porre rimedio ad un problema che, oltre a rappresentare uno spreco di acqua , creava pure ostacolo e potenziale pericolo alla circolazione stradale”. Seconfo il gruppo “Per roccalumera” le cose non vanno meglio sul fronte della rete fognaria: “Spostandosi sul fronte opposto del paese, sul lato Sud, si vede scorrere da giovedì 17 settembre un rigagnolo che attraversa la spiaggia al confine col torrente Pagliara e raggiunge comodamente, senza segnalazione alcuna e senza delimitazione del pericolo, la battigia. Stavolta, però – evidenziano i membri dell’opposizione roccalumerese – si tratt di acque nere (volgarmente detta… fogna!)”. Corrini, Melita, Saccà, Totaro e Maccarrone spiegano di aver chiesto chiarimenti al Comune e di essere stati informati come tutto fosse sotto controllo e programmato, in quanto si stava mettendo in funzione il depuratore una volta ultimati i lavori di adeguamento e che quanto stava accadendo era stato comunicato agli enti preposti. “Questione di qualche ora e il problema si sarebbe risolto – ci è stato detto – ma l’indomani,venerdì 18, si ripresenta lo stesso problema di sversamento fognario e, questa volta, veniamo a sapere che si è verificato un guasto e che entro un’ora (erano le 13,00 circa) il problema si sarebbe risolto. Alle 17,00 circa le acque nere – sostiene il gruppo di minoranza  ‘Per Roccalumera’ – facevano ancora il bagno a mare come spesso, purtroppo, è accaduto nell’ultimo periodo. Ci chiediamo e chiediamo: come può ancora accadere tutto questo nel 2015 senza che nessuno si indigni e prenda i dovuti provvedimenti a garanzia della salute pubblica? Sarebbe stata opportuna e necessaria una più attenta ed oculata programmazione da parte dell’Amministrazione per limitare quanto più possibile i danni e si sarebbe dovuto, almeno, comunicare ai cittadini quanto stava accadendo ed interdire l’accesso alla zona. Siamo proprio alla frutta – concludono Rita Corrini, Giuseppe Melita, Maria Grazia Saccà, Antonella Totaro e Ada Maccarrone – con un’Amministrazione che fa acqua da tutte le parti e che non riesce a garantire nemmeno gli interventi minimi di igiene e sanità cui è preposta”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.