Martedì 27 Luglio 2021
La minoranza segnala il possibile utilizzo di pesticidi nei pressi della fonte Canale


Roccalumera. “Acqua inquinata ad Allume?”: chiesti controlli

di Redazione | 06/05/2016 | POLITICA

2074 Lettori unici

La frazione Allume

Il gruppo consiliare di minoranza di Roccalumera ha posto oggi l'attenzione sulla presunta non potabilità dell’acqua della fonte “Canale” nella frazione Allume. “Di recente – scrivono i consiglieri Rita Corrini, Giuseppe Melita, Maria Grazia Saccà, Antonella Totaro e Ada Maccarrone – ci sono state segnalazioni, anche attraverso i social network, sull’uso di diserbanti nei terreni limitrofi alla fonte Canale: situazione che se corrispondente al vero ed appurata, potrebbe compromettere la potabilità dell’acqua stessa”. Gli esponenti dell’opposizione spiegano di aver chiesto chiarimenti al Comune già nei giorni scorsi, non appena aver appreso tale situazione, e di aver ricevuto rassicurazioni da parte degli amministratori sulla volontà di voler intervenire per verificare l’eventuale inquinamento della fonte. “Fino a ieri, purtroppo, non abbiamo avuto contezza di eventuali formali provvedimenti assunti per monitorare ed eventualmente risolvere tale problematica – sottolineano Corrini, Melita, Saccà, Totaro e Maccarrone –: l’Amministrazione comunale ha il dovere di intervenire tempestivamente per dissipare ogni giusta perplessità manifestata dai cittadini, previa attivazione di qualsivoglia iniziativa utile ad approfondire ed affrontare la problematica rappresentata. È chiedere troppo prendere in considerazione le segnalazioni dei cittadini? – si chiedono i consiglieri dell’opposizione roccalumerese –. Quali verifiche e/o atti formali sono stati adottati e/o intende adottare l’Amministrazione a tutela della salute dei propri concittadini? Quando sono state effettuate le ultime analisi delle acque al “Canale” di Allume?. Una situazione che non può, di certo, essere subita dalla cittadinanza: è urgente risolvere la problematica relativa alla potabilità dell’acqua, fonte di approvvigionamento di tanti nostri concittadini perché – concludono – se non affrontata tempestivamente – potrebbe compromettere la loro salute”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.