Martedì 27 Luglio 2021
Altra interrogazione del gruppo di minoranza sullo stato di via Savoca


“Periferia di S. Teresa abbandonata, il Comune faccia bonificare alcune aree”

di Redazione | 17/08/2018 | POLITICA

1128 Lettori unici

Le foto scattate dalla minoranza

“La periferia di S. Teresa di Riva è abbandonata”. È quanto rileva il gruppo di minoranza “Insieme per cambiare” che questa mattina ha presentato un’altra interrogazione indirizzata al sindaco Danilo Lo Giudice sullo stato della “stradella” aperta al pubblico transito in prossimità del civico 107 di via Savoca, nel quartiere Portosalvo, che si snoda sotto il viadotto dell'autostrada. Zona che era già stata attenzionata dall’opposizione con un’interrogazione presentata il 22 agosto dello scorso anno. “Interrogazione in cui si faceva riferimento alla occupazione di parte della sede stradale con delle fioriere che di fatto limitavano la larghezza della sede stradale e con cui si chiedeva se era intenzione dell’Amministrazione comunale procedere alla pulizia delle aree laterali occupate da sterpaglie e rifiuti di vario genere – scrivono oggi i consiglieri Antonio Scarcella, Carmelo Casablanca, Giuseppe Migliastro e Lucia Sansone – ovvero richiedere tale pulizia all’Ente proprietario degli spazi o a chi ne avesse l’obbligo, nonché se fosse intenzione dell’Amministrazione procedere alla sistemazione del manto stradale ormai in stato precario. Ad oggi è venuta meno l’occupazione della sede stradale, mentre il resto è rimasto immutato” – evidenzia la minoranza, che ha preso atto come “nonostante un modestissimo intervento di scerbatura posto in essere qualche giorno prima della festività della Madonna di Portosalvo dello scorso 5 agosto, ad oggi tali luoghi risultano essere in stato di totale abbandono, trasformati in discarica a cielo aperto e a letamaio, circostanze che determinano gravi problemi di natura igienico-sanitario e di sicura viabilità”.

Al sindaco Lo Giudice viene quindi chiesto “se con riferimento all’occupazione della sede stradale con le fioriere siano state irrogate le opportune sanzioni nei confronti del responsabile di tale occupazione abusiva;  se, dopo la nostra interrogazione dello scorso anno, si è provveduto a diffidare l’ente proprietario della strada affinché provvedesse alla bonifica dei luoghi e in caso negativo si chiede il motivo di tale omissione; se, ritenuto che la stradella viene percorsa quotidianamente da molti cittadini, l’Amministrazione intende procedere alla pulizia delle aree laterali in atto occupate da sterpaglie e rifiuti di vario genere ovvero richiedere tale pulizia all’Ente proprietario degli spazi o a chi ne abbia l’obbligo; se è intenzione dell’Amministrazione comunale procedere alla sistemazione del manto stradale ormai in stato precario. Atteso che la precedente interrogazione sul medesimo argomento,  ancorché discussa in Consiglio comunale non abbia determinato né una risposta esaustiva, né una concreta risoluzione delle problematiche in questione trasformandosi in semplici ‘parole volanti’ – concludono Scarcella, Casablanca, Migliastro e Sansone – per tale interrogazione si richiede risposta scritta”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.