Venerdì 19 Aprile 2024
Il Circolo e i giovani replicano al segretario provinciale e al candidato sulle elezioni


Pd e Gd di S. Teresa a Bartolotta e Scarcella: "Non cerchiamo poltrone, vertici latitanti"

di Andrea Rifatto | 23/05/2022 | POLITICA

1133 Lettori unici

Il vicesegretario Maccarrone, Casablanca e Smiroldo

“Altro che poltrone, questo argomento riguarda altri che in questi anni sono rimasti in un lungo letargo politico, interrotto solo dall’approssimarsi della scadenza elettorale”. Non sono andate giù al Partito democratico di Santa Teresa di Riva le dichiarazioni rilasciate al nostro giornale dal segretario provinciale Nino Bartolotta e da Antonio Scarcella, candidato nella lista per Nino Bartolotta sindaco, che in merito alla decisione del Circolo di non partecipare alla competizione elettorale, dopo una lunga trattativa non andata a buon fine, hanno auspicato un ripensamento evidenziando come il Pd non possa mercanteggiare poltrone ma debba partire da programmi e proposte. “Abbiamo appreso dalla stampa, con rammarico, le dichiarazioni rese da esponenti locali e provinciali, che non rispecchiano i fatti realmente accaduti nella fase di pre-campagna elettorale - esordisce il segretario cittadino, Angelo Casablanca - il nostro Circolo non ha mai parlato di poltrone, nè fatto ufficialmente nomi di candidati. Mentre ritenevamo si fosse in una fase di interlocuzione politico-programmatica, siamo venuti a conoscenza con stupore dal candidato sindaco Bartolotta che il rappresentante del Pd nella sua lista ‘doveva’ essere Scarcella. Questo modus operandi non ci appartiene - sottolinea Casablanca - nè rispecchia i principi ed i valori che da sempre hanno contraddistinto la nostra attività, che oggi come ieri non può prescindere da trasparenza e correttezza. Il Circolo può camminare a testa alta e con la schiena dritta davanti alla cittadinanza - aggiunge il segretario santateresino - ribadendo la nostra posizione di non partecipare alle elezioni e di non sostenere nessuna lista. Anche per un grande partito come il nostro ci possono essere momenti di basso profilo, se non ci sono le condizioni minime per partecipare e siamo convinti che la base e la cittadinanza abbiano capito le nostre ragioni”. 

I Dem di Santa Teresa ritengono di aver ampiamente dimostrato in questi anni, con proposte ed iniziative pubbliche, la loro identità politica di centrosinistra che milita tra la gente, che fa proposte concrete, mai contro qualcuno ma per qualcosa di nuovo per la città, con un confronto interno che rappresenta un cantiere programmatico aperto. “Nel nostro partito il noi dovrà sempre prevalere sull’io - conclude Angelo Casablanca - dove esiste un confronto politico ci potranno essere idee diverse, ma con rispetto e lealtà non ci potrà essere chi si sottrae al confronto o chi pensa di imporre le proprie idee, senza la dovuta mediazione e sintesi politica, necessaria in delicati momenti politici ed elettorali”. Anche i Giovani democratici non hanno gradito la sortita del segretario provinciale Bartolotta: "Per mesi è stato latitante senza intervenire alle nostre riunioni - commenta Giuseppe Smiroldo - stanno arrivando le elezioni regionali e pur di salvarsi la poltrona vanno contro i loro stessi iscritti e rappresentanti locali. Noi le idee le abbiamo, ma vogliamo tutelarci la faccia, soprattutto perché non siamo un pacchetto di voti, né il Pd né i Gd”.

Più informazioni: elezioni santa teresa 2022  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.