Domenica 29 Marzo 2020
Mozione della minoranza: chiesta la revoca dell'ordinanza. Dubbi sulla nuova area


Nizza, "si ripristini il mercato per non rischiare la chiusura, ecco dove spostarlo"

di Redazione | 26/02/2020 | POLITICA

1371 Lettori unici

Il mercato quindicinale di Nizza

Revocare l’ordinanza di sospensione del mercato quindicinale e spostarlo in un’altra area vicina per non privare il paese a lungo tempo della fiera e rischiare la chiusura definitiva dello stessa, con grave danno all’economia del paese già abbastanza precaria. Lo chiede la minoranza consiliare di Nizza di Sicilia con una mozione presentata oggi in municipio, indirizzata al sindaco, al presidente del Consiglio comunale e ai dirigenti comunali dell’Area Tecnica e dell’Area Amministrativa. I consiglieri Giovanni Vega, Carlo Gregorio e Nella Foscolo chiedono innanzitutto la revoca dell’ordinanza emanata il 18 ottobre dal primo cittadino Piero Briguglio con la quale è stato sospeso da oggi e fino a data di destinarsi il mercato quindicinale, per motivi di sicurezza ritenuti imprescindibili in seguito all’incendio in abitazione che ha provocato la morte di due persone residenti sul lungomare nel tratto dove si tiene ogni due mercoledì il mercato nizzardo. Lo stesso Briguglio ha poi dato mandato all’Ufficio tecnico di allestire un’area adiacente la strada intercomunale Nizza-Fiumedinisi dove spostare la fiera, ma passeranno almeno due-tre mesi. “Lo spostamento del mercato ci trova d’accordo, è stato proposto più volte dal nostro gruppo politico, ma mai preso in considerazione e il sito attuale non presenza ottime condizioni di sicurezza per gli utenti e per chi abita nella stessa strada – scrivono i consiglieri di ‘RinnoviAmo Nizza’ - ma l’ordinanza del sindaco è priva di alcun parere degli organi politici, sindacali ed esercenti. Il mercato si svolge a Nizza da oltre 150 anni e rappresenta un’istituzione invidiabile, utile ai cittadini nizzardi e del comprensorio jonico e vantaggiosa economicamente per cittadini, ambulanti ed esercenti locali”. L’opposizione ricorda come già nel settembre 2018 il sindaco, durante una riunione con rappresentanti sindacali ed esercenti in seguito alla sospensione del mercato per problemi di viabilità, “si era impegnato a trovare soluzioni immediate per consentire il ripristino del mercato e soprattutto soluzioni definitive per lo spostamento in altro sito”.

“Da allora sono trascorsi 17 mesi e il sindaco non ha preso alcun provvedimento per lo spostamento del mercato – rimarcano – e da una nota recente, ma senza data, inviata al dirigente dell’Ufficio tecnico, rileviamo che è stata individuata un’area demaniale dove trasferire il mercato e si dà incarico di redigere un progetto per la pulitura e bitumazione di 7.144 mq circa”. I tre consiglieri rilevano dubbi sull’utilizzabilità di questa nuova area demaniale, “chiesta dal Comune in concessione per urbanizzazione primaria, ossia viabilità, parcheggio e occasionalmente per mercato rionale, e concessa a dicembre dall’Agenzia del Demanio, ma quello di Nizza non è un mercato occasionale, si svolge ogni 15 giorni e trae origine dalla Fiera di San Giovanni, istituita nella prima metà del XIX secolo. E inoltre – proseguono Vega, Gregorio e Foscolo – la concessione non potrà prevedere la bitumazione della stessa area in quanto l’art. 8 dell’atto di concessione prevede che il concessionario non potrà apportare all’immobile innovazioni, addizioni o migliorie, senza il preventivo consenso scritto dell’Agenzia del Demanio. Secondo “RinnoviAmo Nizza”, poi, “l’area non presenta caratteristiche di sicurezza idonea all’incolumità della collettività poiché l’argine destro di protezione dell’abitato di Nizza fu ricostruito dopo le alluvioni del 1955 e 1892, che causarono la distruzione dell’abitato adiacente all’alveo, con morti e feriti, e ricade oltre il muro d’argine, protetta da altro muro realizzato in occasione della costruzione della strada Nizza-Fiumedinisi”, aggiungendo che “prima che l’area possa essere disponibile allo spostamento definitivo del mercato, probabilmente potrebbero passare parecchi mesi se non anni e ciò potrebbe comportare la decisione dei mercatali al trasferimento in altro comune limitrofo e viciniore”. Da qui la proposta “di spostare nel frattempo il mercato in un’altra zona idonea allo svolgimento del mercato, che potrebbe essere rappresentata dall’area demaniale adiacente il bar Maracanà”, uno slargo utilizzato solitamente per parcheggio proprio a ridosso della zona nord del lungomare di Nizza. Per discutere di tale ipotesi Giovanni Vega, Carlo Gregorio e Nella Foscolo hanno quindi chiesto la convocazione urgente del Consiglio comunale.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.