Sabato 31 Luglio 2021
Promosso da ‘Prendiamoci il futuro’. Incontro con i cittadini per discutere della tematica


Nizza, nasce il Comitato per il No al referendum costituzionale

12/07/2016 | POLITICA

2091 Lettori unici | Commenti 2

Referendum costituzionale 2016: perché si sono rese necessarie le votazioni? Per cosa si andrà a votare? Quali le motivazioni del Si? Perché votare No? Sono le domande alle quali l’associazione “Prendiamoci il futuro” di Nizza di Sicilia risponderà nel corso di un incontro aperto ai cittadini in programma domani, mercoledì 13 luglio alle ore 18.30, nell’aula consiliare. “Gli italiani, il prossimo autunno, saranno chiamati a dire sì o no alla proposta di legge Boschi sulla riforma costituzionale, perché, in sede di votazione, in Parlamento, il ddl non ha ottenuto la maggioranza dei voti, pertanto, la decisione, della sua entrata in vigore, spetterà ai cittadini – spiega Carlo Gregorio – presidente del sodalizio –. Il testo della riforma Boschi introduce diverse novità, tra cui l’abolizione del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, la modifica del quorum per l’elezione del presidente della Repubblica e l’aumento del numero delle firme necessarie per proporre un referendum. Lo scontro tra il Sì e il No è trasversale e attraversa tutti gli schieramenti politici, ideologici e culturali. Il referendum costituzionale 2016 è molto importante perché si deciderà se cambiare oppure no alcuni punti cardine del testo della Costituzione così come lo conosciamo – sottolinea Gregorio – quindi è bene arrivare preparati e consapevoli riguardo al ddl Boschi e le posizioni favorevoli e contrarie”. 

L’Associazione socio-culturale “Prendiamoci il futuro” ha ritenuto di dover dare il proprio contributo in difesa della Costituzione Italiana, schierandosi per il No. “La Costituzione è la legge fondamentale della Repubblica italiana, la più alta espressione del patrimonio normativo,  storico e culturale del popolo italiano: è vero che ne è prevista la modifica, nel momento in cui, in alcuni punti, dovesse risultare anacronistica, ma la Riforma costituzionale decisa dall’attuale Governo – aggiunge il presidente – appare poco chiara e inadeguata e la Costituzione troppo preziosa per essere rimaneggiata, con superficialità,  senza il suffragio universale. All’incontro in municipio parteciperanno Salvatore Bottari, docente in Storia moderna all’Università di Messina e Maurizio Rella, responsabile del Coordinamento Democrazia Costituzionale di Messina. Nell’occasione verrà costituito il Comitato per il No alla riforma costituzionale.  


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 12/07/2016 alle 18:27:20

Mai più un uomo solo al comando! Sono con voi anche se materialmente non potrò essere presente. Col combinato disposto di riforma Boschi e legge elettorale i cittadini non contano più, le minoranze non esistono ... la democrazia muore. Renzi non vuole nemmeno lo spacchettamento, cioè il voto per settori; infatti non proprio tutto è da buttare ed il buono potrebbe trovare il consenso di molti. Ma non si vuoe ragionare, si cerca "o con me o contro di me!, aldilà del merito delle cose: siamo messi proprio male e non ce ne accorgiamo pienamente. Le regole si fanno per tutte le stagioni ed in maniera condivisa senza fare muro contro muro. Dire che si risparmia poi è una bufala al massimo si potrà risparmiare il 15-20% al senato, ma si spenderanno in più in trasferte; infatti le spese maggiori sono le "pensioni" degli ex senatori ... che, al contrario di quelle dei lavoratori, sono sacre non si possono affamare gli animaletti con la coda a ricciolo! Gente non fatevi prendere in giro: VOTATE NO!

Nella Foscolo | il 12/07/2016 alle 23:53:19

Grazie, signor Sturiale, il suo commento è gradito e prezioso!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.