Martedì 23 Ottobre 2018
Denunciato un violento alterco in municipio. Ma gli interessati minimizzano


Nizza, "Malore a consigliera dopo scontro col sindaco": minoranza chiede Consiglio urgente

di Andrea Rifatto | 24/07/2018 | POLITICA

1312 Lettori unici

Il municipio di Nizza

Un acceso scontro verbale che sarebbe avvenuto a Nizza tra il sindaco e una consigliera comunale è finito al centro di una richiesta di convocazione a carattere d’urgenza del Consiglio presentata dal gruppo di minoranza “RinnoviAmo Nizza”. I consiglieri Giovanni Vega, Carlo Gregorio e Nella Foscolo scrivono di “essere venuti a conoscenza che in data 20 luglio, intorno alle ore 10:15, nella stanza del segretario comunale si sarebbe consumato un acceso scontro verbale tra il sindaco Piero Briguglio ed il consigliere indipendente Rosita Naclì, tale da rendere necessario l’intervento dei sanitari del 118 che avrebbero prestato soccorso alla Naclì”. I tre consiglieri hanno quindi chiesto al presidente del Consiglio Carmelo Miceli di far riunire l’assemblea cittadina al fine di discutere l’episodio e affinché “il sindaco e il consigliere Naclì chiariscano quanto accaduto”.

La consigliera Rosita Naclì, da noi contattata, non ha voluto per il momento rilasciare dichiarazioni ma sembrerebbe che in realtà in municipio non sia accaduto nulla di così allarmante, a differenza di quanto denunciato dalla minoranza, al di là di uno scabmio di battute ma non al punto tale da provocare un malore. “Non vi è stato alcuno scontro verbale – ha dichiarato il sindaco Piero Briguglio – la consigliera Naclì si è sentita male e qualcuno in maniera improvvida ha chiamato il 118. Rosita Naclì il giorno dopo ha pubblicato un post sul gruppo Facebook di Nizza, senza fare alcun accenno a scontri verbali: Avverto il dovere di esprimere il mio più profondo e sentito sentimento di gratitudine nei riguardi di coloro (tantissimi ed alcuni di essi inaspettati) che mi hanno manifestato il loro affetto a seguito del malore che mi ha colto nella mattinata di ieri. Ho ricevuto tantissime chiamate, messaggi e visite a casa. Grazie, veramente grazie”. Dunque né il sindaco né la consigliera hanno da chiarire alcunché in Consiglio comunale e lo hanno già comunicato con una nota al presidente Miceli. La vicenda non avrà quindi seguito.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.