Sabato 31 Luglio 2021
L’esponente di maggioranza lancia continui segnali ormai da un anno e mezzo


Letojanni, il malessere del consigliere Savoca: "Deluso ma resto a fianco del sindaco”

di Andrea Rifatto | 11/11/2020 | POLITICA

1285 Lettori unici

Savoca è alla sua terza legislatura in Consiglio

Da un anno e mezzo manifesta un certo malessere nella compagine di maggioranza, ma poi prevalgono l’amore per il proprio paese verso cui non lesina sforzi e la stima nei confronti del sindaco. Il consigliere comunale Emanuele Savoca continua però a manifestare “sintomi” del suo disagio e gli ultimi si sono palesati in Consiglio, dove si è astenuto su una variazione di bilancio e ha votato contro il riconoscimento di un debito, rientrando in Aula “solo per rispetto nei confronti del mio elettorato e del sindaco Alessandro Costa - ha detto - ma ho bisogno di tempo per riflettere e prendere le decisioni”. Ma su cosa deve riflettere il consigliere, giunto al suo terzo mandato? Glielo abbiamo chiesto. “Ho voluto lanciare un segnale alla compagine per arrivare ad un confronto e aprirci per dare al progetto una continuità politica per il futuro - ci spiega - anche se in questo periodo di emergenza, per senso di responsabilità, sono rientrato perchè non è momento di fare politica”. Savoca si è voluto distinguere votando diversamente dal gruppo per dare un segnale in particolare al presidente del Consiglio, non condividendo certi modi di fare politica spesso legati al passato e ritenendo che in maggioranza qualcuno voglia fare un passo troppo lungo, mentre secondo la sua visione tutti devono rimanere sullo stesso piano. Le elezioni sono ormai vicine (si voterà nel 2022) e a Letojanni inizia già a muoversi qualcosa. 

La delusione principale per Emanuele Savoca è arrivata un anno e mezzo fa, quando la Regione ha dato ai sindaci la possibilità di istituire il quarto assessorato, una carica che il consigliere riteneva di poter ricoprire ma che non è arrivata: “Ormai mi sono rassegnato - ammette - dopo sei mesi di delusione in cui ho non ho partecipato alle sedute consiliari: il nuovo assessore poteva essere un esterno, per allargare il gruppo, e lo avrei accettato facendo un passo indietro, oppure un riconoscimento ad uno di noi, magari sono stato presuntuoso pensando potessi essere io visto l’impegno e mi avrebbe fatto piacere, ma non metto in ginocchio l’Amministrazione per obiettivi personali, rispetto il sindaco, ci siamo chiariti e vado avanti, visto il rapporto di fiducia e amicizia che ho con lui, altrimenti magari avrei preso altre posizioni. La sua decisione è stata quella di… non decidere, per la quiete di tutti forse è stato meglio così”. Savoca ribadisce la massima fiducia verso Costa, esprimendo “piena fiducia nella magistratura” ma evidenziando come il primo cittadino “sta pagando un prezzo altissimo e immeritato per le vicende giudiziarie e le condanne subite, ma non possiamo soccombere alla politica per le vicende del sindaco e bisogna pensare alla continuità”. “Il sindaco ha fatto un grande lavoro soprattutto messa in sicurezza del paese, uno degli obiettivi per i quali ho sposato questo progetto politico, ottenendo numerosi finanziamenti - conclude il consigliere Emanuele Savoca - quella di Letojanni è una buona amministrazione, manca un po’ il legante all’interno ma sta amministrando bene”. Costa ha sottolineato in Consiglio comunale come Savoca sia un consigliere “passionale” e un valore aggiunto per la maggioranza, ribadendo la stima che nutre per lui. Da qui al 2022 ci sarà tutto il tempo per schiarirsi ulteriormente le idee.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.