Mercoledì 19 Settembre 2018
Altre due fuoriuscite dopo Sapia e Cundari. Potrebbe nascere una nuova aggregazione


Giardini Naxos, lasciano anche Sofia e Costantino: il gruppo di minoranza non esiste più

di Andrea Rifatto | 16/11/2016 | POLITICA

1039 Lettori unici

Valentina Sofia e Alessandro Costantino

Il gruppo consiliare di minoranza “Giardini Naxos-Bene Comune” non esiste più. A dare il “colpo di grazia” allo schieramento che da poco più di un anno siede sugli scranni riservati all’opposizione è stata la fuoriuscita del consigliere Valentina Sofia, che lunedì ha deciso di seguire i colleghi Mario Sapia e Angelo Cundari, che hanno detto addio già nei giorni scorsi attestandosi su posizioni indipendenti, facendo così venire meno il numero minimo di tre componenti per la costituzione dei gruppi, previsto dal Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale. Entrambi, così come Sofia, hanno preso le distanza anche dal gruppo politico che nel 2015 sosteneva la candidatura a sindaco di Agatino Bosco. “Non ci sono più le condizioni per l’unità del gruppo ed è assente da tempo l’attività dell’aggregazione e del suo leader – ha spiegato Valentina Sofia, facendo riferimento a Bosco – e penso e mi auguro, da indipendente, di poter esprimere meglio, senza vincoli di appartenenza, un diverso modo di fare politica, coerente con la mia identità di sinistra”. Fino a oggi, dunque, all’interno del gruppo consiliare rimanevano il capogruppo Alessandro Costantino e il consigliere Antonella Arcidiacono.

Questa mattina è arrivata però la nota di Costantino, che comunica di aver lasciato l’aggregazione Giardini Naxos Bene Comune. “Prendo atto dell’abbandono del gruppo consiliare ‘Giardini Naxos Bene Comune’ da parte dei consiglieri comunali Mario Sapia, Angelo Cundari e Valentina Sofia – scrive –: ho avuto modo di confrontarmi in questi giorni, con i colleghi consiglieri e di condividere i motivi che li hanno portati all’allontanamento dal gruppo. Ho rilevato la ferma volontà di stare all’opposizione dell’Amministrazione Lo Turco. A questo punto, come previsto dal Regolamento del Consiglio comunale, il gruppo consiliare non esiste più, ma sono certo che in futuro si potranno trovare delle sinergie tra i soggetti che non condividono l’operato dell’Amministrazione, per continuare la fin qui proficua azione politica. Con rammarico – prosegue Costantino – lascio l’aggregazione, per la quale ho profuso notevoli energia ed impegno sia durante la campagna elettorale che in questo primo scorcio di mandato. Ci tengo a ribadire, a scanso di equivoci, che tanto io quanto i consiglieri Sapia, Cundari e Sofia, svolgeremo il nostro mandato elettorale rispettando la volontà degli elettori, cioè ponendoci all’Amministrazione dell’attuale Amministrazione”. Emblematico il messaggio apparso sulla pagina Facebook del gruppo: "Game over: chiuso per falimento". In Consiglio comunale, dunque, potrebbe nascere una nuova aggregazione di minoranza, che vedrebbe esclusa Antonella Arcidiacono.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.