Martedì 03 Agosto 2021
Botta e risposta su due interrogazioni inerenti lavori al centro di contestazione


Furci, scontro in Aula tra Francilia e Triolo: "Diffama i dipendenti", "Scrivono il falso"

di Andrea Rifatto | 14/03/2021 | POLITICA

1494 Lettori unici

L'intervento di Triolo in Consiglio

Toni accesi nell’ultima seduta del Consiglio comunale a Furci tra il sindaco Matteo Francilia e il consigliere indipendente di minoranza Sandro Salvatore Triolo. Due interrogazioni presentate da quest’ultimo per contestare la mancata realizzazione di alcuni lavori negli spogliatoi del campo da calcio e nel cortile della palestra, in un caso regolarmente pagati dal Comune, hanno infatti portato ad un duro botta e risposta. “Prendo le distanze da quanto scritto in queste pseudo interrogazioni - ha detto il sindaco - è diffamazione nei confronti dell’Ufficio tecnico, composto da persone per bene, scrivere che i lavori non sono stati fatti e che non si sa neanche rubare. Ci possono essere degli errori quando si lavora, tutto si può dire ma non che amministratori e impiegati non siano seri”. Il primo cittadino ha poi replicato spigando leggendo le relazioni prodotte dagli Uffici e spiegando che nel caso del campo da calcio la somma era stata assegnata perchè ogni fine anno le assegnazioni non spese devono essere rinnovate per non perdere l’impegno: L’Ufficio tecnico non aveva eseguito i lavori a causa della pandemia e per la sospensione del campionato di calcio - ha detto - e il tecnico incaricato non era a conoscenza che alcuni interventi di manutenzione ordinaria erano stati eseguiti in house dalla società sportiva. In ogni caso nessun importo è stato speso e l’atto è stato annullato” ha chiarito Francilia. Per le aiuole delle palestra, invece, è stato spiegato che l’impresa incaricata aveva il compito di effettuare solo la scerbatura, mentre sarà la ditta “Lts Ambiente” a ritirare non appena possibile i rifiuti indifferenziati accatastati nell’area. “Quello che ha scritto il tecnico è falso - ha controreplicato Triolo - l’incarico prevedeva scerbatura e pulizia, sono stati spesi 6mila euro per un lavoro mai svolto e che potevano fare gli operai comunali. Lei deve essere più attento su come vengono spesi i soldi dei cittadini e se è necessario spenderli - ha aggiunto rivolgendosi al sindaco - a questo punto mi viene il dubbio che tutti gli impegni spesa del Comune siano veritieri”. Accuse respinte al mittente da Francilia, che ha invitato l’opposizione a collaborare seriamente per il bene del paese: dai banchi della minoranza è stato fatto notare invece dai consiglieri come proprio grazie alla loro presenza sia stato possibile tenere il Consiglio comunale, visto che la maggioranza non aveva i numeri per garantire la seduta.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.