Domenica 11 Aprile 2021
La minoranza contesta l'affidamento della progettazione per la raccolta acque


Furci, "Quell'incarico ad un architetto è illegittimo, il Comune revochi la determina"

di Andrea Rifatto | 05/03/2021 | POLITICA

1902 Lettori unici

L'architetto Massimo Stracuzzi, sindaco di Savoca

Quell’incarico per la progettazione di un collettore di raccolta delle acque bianche in via Cesare Battisti non poteva essere affidato ad un architetto, perchè è una figura che non ha le necessarie competenze richieste dalla legge. È quanto sostengono i consiglieri di minoranza di Furci Siculo, Agatino Pistone, Rosaria Ucchino e Paolo Mascena, che hanno inviato al Comune una richiesta di annullamento in autotutela delle determina del 25 febbraio con la quale l'Ufficio tecnico, con provvedimento a firma del geometra Orazio Spadaro, ha scelto come progettista delle opere, per una spesa totale di 61mila 167 euro, l’architetto Massimo Stracuzzi di Savoca (comune dove è sindaco), individuato con trattativa diretta sul Mepa. L'opposizione, che ha presentato anche un'interrogazione all’Amministrazione comunale, rileva però che “il quadro normativo vigente (Regio decreto 2537/1925 e Decreto del Presidente della Repubblica 328/2001) in tema di riparto di competenze tra la professione di architetto e quella di ingegnere non consente di ritenere che l’opera di progettazione per la realizzazione di un collettore acque bianche rientri tra le competenze dell’architetto ma, siccome afferente alle scienze idrauliche, è riservata in via esclusiva alle competenze professionali dell’ingegnere”. I tre consiglieri evidenziano “come consolidata giurisprudenza amministrativa (sentenze di Tar e Consiglio di Stato) afferma che spettano alla esclusiva competenza della figura professionale dell’ingegnere ‘le costruzioni stradali, le opere igienico-sanitarie (acquedotti, fognature ed impianti di depurazione), gli impianti elettrici, le opere idrauliche e, di certo, anche le opere di edilizia civile”’ e che “le opere idrauliche, presupponendo approfondite conoscenze tecniche e necessitando dell’applicazione di specifici metodi di calcolo (statistico, idrologico e idraulico), costituiscono esclusivo appannaggio della professione di ingegnere e non di quella di architetto”. Dunque secondo Pistone, Ucchino e Mascena, l’architetto Stracuzzi non poteva ricevere l’incarico e quindi la determina è illegittima e va annullata. I tre sottolineano inoltre come “non sono chiare le ragioni per le quali l’Ufficio tecnico non ha proceduto all’affidamento diretto a un operatore con studio tecnico a Furci” e interrogano il sindaco e l'assessore ai Lavori pubblici affinché chiariscano in forma scritta “perché non sono stati individuati professionisti nel territorio comunale, sicuramente altrettanto dotati della professionalità necessaria per l'espletamento dell’incarico; perché è stato scelto un operatore economico privo della qualifica professionale di ingegnere; perché, pur trattandosi di importo sottosoglia, non sono state utilizzate procedure di affidamento competitive e come mai si è proceduto ad affidamento diretto”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.