Giovedì 23 Maggio 2024
La minoranza interroga e contesta le tumulazioni provvisorie e le continue estumulazioni


Furci, pochi loculi al cimitero e salme lasciate in sosta: "Serve rispetto per i defunti"

di Andrea Rifatto | 29/09/2023 | POLITICA

710 Lettori unici

Nei giorni affidate nuove estumulazioni

Posti al cimitero che continuano a scarseggiare per garantire una tumulazione definitiva, tanto che la salma di un cittadino morto a causa del Covid-19 è “bloccata” nei locali all'ingresso da oltre 20 giorni. È quanto denuncia la minoranza consiliare di Furci Siculo, con un’interrogazione al sindaco Matteo Francilia e all’assessore ai Cimiteri Agatino Pistone su una situazione che si protrae da troppo tempo. “È diventata ormai prassi discutibile quella di tumulare le salme a carattere provvisorio in loculi acquistati in vita e ‘prestati’ per l’occasione - evidenziano i consiglieri Francesco Rigano, Angelo Manganaro, Maria Vera Scarcella e Francesca Spadaro - con la conseguenza che alla morte del proprietario il loculo va liberato estumulando la salma provvisoria e trovandole altra collocazione, sempre provvisoria. Un ‘balletto’ che costa in media circa 400 euro ad estumulazione, oltre all'implicazione dell'attività degli uffici, della ditta specializzata e dell'ufficiale sanitario”. L’opposizione segnala il caso di un defunto deceduto per Covid, la cui salma a causa dell’assenza di loculi disponibili è da tre settimane in deposito: “Uno spiacevole episodio determinato dalla mancanza di un intervento immediato dell’Amministrazione - attacca la minoranza - che evidentemente sull'argomento presenta una scarsa sensibilità”. 

I consiglieri ricostruiscono i passaggi degli ultimi mesi: il 29 giugno la giunta ha stanziato 6mila 800 euro per l’estumulazione di 17 salme, il 29 luglio l’Ufficio tecnico ha previsto l’affidamento del servizio e il 22 settembre è stata individuata la ditta. "Possono passare ben tre mesi per un'attività che dovrebbe essere svolta con la massima celerità?" affermano Rigano, Manganaro, Scarcella e Spadaro, che chiedono quindi di sapere le motivazioni di tali ritardi; le tempistiche in cui sarà eseguito l’appalto e in cui sarà tumulata, dando finalmente degna sepoltura, la salma del concittadino; la presenza di formale autorizzazione per mantenere “a deposito” nel locale all’ingresso del cimitero la salma del deceduto per Covid-19 e la previsione di tombe libere per tumulazioni definitive in caso di morti Covid-19, atteso che possono verificarsi casi del genere nonostante sia stata dichiarata la fine del periodo di pandemia. “Dobbiamo avere il massimo rispetto dei nostri defunti - conclude la minoranza furcese - l'episodio e la situazione precaria di tumulazione delle salme ci rammarica e dispiace e attendiamo risposte concrete dall'Amministrazione comunale”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.