Martedì 18 Giugno 2024
Ok al Previsionale con i voti della maggioranza. L'opposizione chiede più coinvolgimento


Furci, bilancio 2023 approvato... a fine anno: riscossione dei tributi evasi avanti piano

di Andrea Rifatto | 19/11/2023 | POLITICA

618 Lettori unici

Documento approvato ad anno ormai concluso

Ad anno ormai concluso, e con il fiato sul collo del commissario ad acta, il Consiglio comunale di Furci Siculo ha approvato il Bilancio di previsione 2023-2025 con otto voti favorevoli della maggioranza e quattro astensioni dell’opposizione. Un documento che si attesta per l’anno in corso su entrate e uscire per 34,2 milioni di euro, che passano a 32,1 nel 2024 e 31,9 nel 2025. Dai dati emerge un miglioramento, seppur moderato, dell’attività di riscossione tributi per il periodo 2023-2017, svolta da una società esterna: come illustrato dalla vicesindaca con delega al Bilancio, Daniela Mercurio, per l’Imu risulta un incasso del 30% della morosità con 298.000 euro a fronte di un importo iniziale di circa 466mila euro; per la Tari sono stati incassati 125mila 494 euro rispetto ad un dovuto di 359mila 341 euro, mentre per le sanzioni per violazioni al Codice della strada sono state pagati circa 143mila 840 euro a fronte di un importo iniziale di 560mila 544 euro. “Il problema resta l’attività di accertamento effettuata dagli uffici comunali - ha precisato Mercurio - che va molto a rilento in quanto gli stessi affermano di essere oberati di lavoro. Adesso si sta valutando un potenziamento dell'Ufficio Tributi”. 

La minoranza si è astenuta perchè “auspichiamo che si possa votare all'unanimità anche sulla base di una compartecipazione da parte del nostro gruppo - ha detto il capogruppo Francesco Rigano - non ce la sentiamo di essere contrari e vogliamo manifestare nel futuro uno spirito di collaborazione con quelle che sono le scelte di programmazione che l’organo consiliare può fare”. Rigano ha espresso rammarico per l’approvazione del bilancio di previsione alla fine dell’anno, quando non è possibile programmare nulla considerato anche che a dicembre non si possono fare movimenti particolari, invitando l’Amministrazione a migliorare la riscossione dei tributi data la mole di residui attivi inseriti in bilancio e ad approntare una banca data integrata di tutti i tributi con le utenze: “Questo aspetto riguarda il consuntivo 2022 e ci riserviamo di approfondire l'argomento in sede di approvazione - ha fatto presente il capogruppo di minoranza - anche dopo aver letto la deliberazione sul riaccertamento dei residui attivi e passivi che è stata approvata dalla giunta”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.