Sabato 28 Marzo 2020
La minoranza esprime dissenso e chiede che si verifichi la fiducia al sindaco


"Francilia ha tradito i cittadini, Furci non ha un'identità leghista"

14/08/2018 | POLITICA

3398 Lettori unici

Triolo, Vita, Rigano e Cocuccio

"Dopo aver millantato in campagna elettorale la sua autonomia e indipendenza politica (e non solo), Matteo Francilia ha tradito premeditatamente la fiducia dei cittadini approfittando oggi della carica istituzionale per attribuire alla nostra comunità un’identità che certamente non gli appartiene, soprattutto conoscendo il contesto storico e sociale del nostro paese". Lo scrive il gruppo consiliare di minoranza "Disegniamo il futuro" di Furci Siculo in una nota diramata questa mattina. "Nel prendere atto del prestigioso incarico del sindaco Francilia quale coordinatore della Lega per la provincia di Messina e della visita del vicepremier Salvini a Furci Siculo - scrivono il capogruppo Francesco Rigano e i colleghi consiglieri Sandro Salvatore Triolo, Chiara Cocuccio e Sarah Vita - esprimiamo il nostro dissenso per una scelta opportunista che offusca l’identità politica di una comunità che è certamente lontana dai principi ispiratori di tale corrente. La trasparenza e la correttezza avrebbero voluto che tale predilezione politica fosse resa nota prima delle elezioni amministrative del 10 giugno, visto che già alle Politiche del 4 marzo scorso gli accordi erano fatti. Manifestiamo pertanto il nostro disappunto e chiediamo che a seguito di una scelta così radicale venga convocato il Consiglio comunale per verificare la rinnovata fiducia ad un sindaco eletto quando, a suo dire, era politicamente indipendente. Una cosa comunque è certa: con un sindaco leghista il cielo è sempre blu sulla nostra comunità, rimanendo verde solo la rabbia di quei cittadini la cui fiducia è stata tradita". 

Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini arriverà a Furci questa sera alle 19.30 e si fermerà a cena in un ristorante sul lungomare. Prima, alle 18.30, sarà a Messina agli ormeggi della Stazione Navale della Guardia di Finanza, nella base navale di San Raineri, per incontrare l'equipaggio del pattugliatore "Monte Sperone" delle Fiamme gialle, che nei giorni scorsi ha concluso l'operazione "Libeccio" con il sequestro di oltre 20 tonnellate di hashish e l'arresto di 11 persone. Ad accogliere il ministro il comandante generale della Guardia di Finanza, generale di corpo d'armata Giorgio Toschi, il prefetto di Messina Carmela Librizzi e il sindaco Cateno De Luca.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.