Martedì 27 Luglio 2021
Presentata un'altra interrogazione dopo l'infuocato Consiglio del 21 agosto


Fallimento dell'estate a Nizza, la minoranza incalza: "Ancora punti oscuri"

24/09/2018 | POLITICA

1226 Lettori unici

L'acceso Consiglio comunale del 21 agosto

“Siamo molto determinati a fare chiarezza sui punti oscuri, ai quali non ci sono state date risposte chiare nel corso del Consiglio comunale del 21 agosto”. Torna alla carica il gruppo consiliare di minoranza “RinnoviAmo Nizza” sul fallimento dell’evento “Estate Nizza in festa 2018” organizzato da una società privata incaricata dal Comune. I tre consiglieri Giovanni Vega, Carlo Gregorio e Nella Foscolo hanno presentato un’altra interrogazione sull’argomento, indirizzata al presidente del Consiglio con risposta scritta e inserimento  all’ordine del giorno della prossima seduta, “in merito alle azioni poste in essere, da codesta amministrazione, nei confronti della Ptm Management,  per il disastroso svolgimento dell’evento”. I consiglieri partono dalla delibera di giunta n. 82 dell’1 giugno 2018 “con la quale il Comune ha rilasciato il nulla osta all’associazione Ptm Management per lo svolgimento dell’evento “Estate Nizza in festa 2018”, che avrebbe dovuto svolgersi dal 30 luglio al 26 agosto” ed evidenziano “il clamoroso fallimento, durante tutto il disastroso svolgersi dell’evento, di cui in oggetto,  con gravissima ricaduta d’immagine per il nostro paese e con danno economico, per il comune e per i commercianti nizzardi”.

“RinnoviAmo Nizza” chiede quindi “gli estremi della delibera, attraverso il quale l’amministrazione ha concesso il patrocinio, alla Ptm Management per l’organizzazione dell’evento; per quale motivo, l’amministrazione ha deciso di affidare l’organizzazione dell’evento ad una ditta che nasce il 15 maggio 2018 ed il 16 maggio 2018, corre a venderci “l’antico Egitto e l’antica Roma, messi insieme” senza dubbio alcuno, senza controllo alcuno, senza garanzia alcuna e senza tutela alcuna”; per quale motivo l’amministrazione non ha provveduto ad accertarsi se la ditta avesse i requisiti necessari per l’affidamento dell’organizzazione dell’evento?; per quale motivo l’amministrazione non ha preteso contratto alcuno, in cui si tutelassero gli interessi del comune e  dei commercianti, con un’assicurazione o fidejussione e in cui si prevedessero delle penali, in caso di inadempienza; per quale motivo sindaco e assessori non si sono preoccupati di accertarsi della regolarità delle autorizzazioni, che guarda caso arrivano solo dopo l’interrogazione e la richiesta di accesso agli atti da parte del gruppo “RinnoviAmo Nizza”?; quali iniziative ha posto in essere l’amministrazione per il risarcimento dei commercianti nizzardi che ci hanno rimesso somme importanti, perché non adeguatamente tutelati da scelte amministrative superficiali ed irresponsabili?; quali iniziative ha posto in essere l’amministrazione, nei confronti della Ptm Management per il danno economico ed il gravissimo danno d’immagine subito dal nostro paese?”. L’opposizione conclude ricordando che “la richiesta di accesso agli atti presentata l’1 agosto, relativa all’organizzazione dell’evento, ad oggi rimane inevasa, in palese violazione dell’art. 328,  del codice penale. Con riserva di adire gli opportuni e competenti organi di controllo e di competenza, ove necessario” concludono Vega, Gregorio e Foscolo.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.