Domenica 25 Ottobre 2020
Quattordici domande ai candidati under 30: chi sono, cosa pensano e perchè sono in lista


Elezioni amministrative, le idee giovani per Nizza di Sicilia - INTERVISTE

di Daniele Foderà | 07/06/2017 | POLITICA

4698 Lettori unici | Commenti 1

Alessia Coledi, Maria Porto, Valeria Forzini e Federica Valerini

Sono delle elezioni particolari queste amministrative a Nizza di Sicilia. Per la prima volta il dottor Giuseppe Di Tommaso non sarà dei giochi, almeno formalmente, non essendosi presentato in nessuna delle due liste. Chi si contenderà la poltrona di primo cittadino saranno invece il dottor Giovanni Vega con la lista "RinnoviAmo Nizza” e l'avvocato Piero Briguglio con "Porte aperte ai sogni". Scorrendo i nomi dei candidati al Consiglio comunale e ancor più leggendo le date di nascita, ho notato con piacere la presenza di diversi under 30. Chi sono? Cosa pensano? Perché si sono candidati? Mosso da queste genuine e sincere curiosità, ho deciso di condividere con voi lettori/elettori una breve intervista, di 14 domande, rivolta ai giovani under 30 di entrambi gli schieramenti: Alessia Coledi, Valeria Forzini, Maria Porto ("Porte aperte ai sogni") e Federica Valerini ("RinnoviAmo Nizza").

Daniele Foderà

1) Età?
Alessia Coledi
: 25 anni
Maria Porto: 19 anni
Valeria Forzini: 18
Federica Valerini: 25 anni, 26 ad agosto

2) Cosa fai nella vita?
Alessia Coledi: studentessa universitaria
Maria Porto: studio Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Messina
Valeria Forzini: studentessa presso l’Iiss Pugliatti di Furci Siculo, indirizzo AFM
Federica Valerini: sono un operatore socio-sanitario

3) Quali sono i tuoi progetti futuri?
Alessia Coledi
: completare gli studi
Maria Porto: mi piacerebbe terminare gli studi universitari e tentare il concorso pubblico per
diventare commissario della Polizia di Stato. Un altro sogno nel cassetto è quello di concludere
anche gli studi musicali e poter conseguire la laurea in pianoforte
Valeria Forzini: ancora non ho delle idee ben precise. Credo comunque che continuerò i miei studi nell’indirizzo commerciale che ho fino ad oggi intrapreso
Federica Valerini: mi piace operare nel sociale, occuparmi di bambini e anziani, dunque i miei progetti futuri riguarderanno loro

4) Descriviti con cinque parole
Alessia Coledi
: onesta, affidabile, altruista, determinata, estroversa
Maria Porto: determinata, disponibile, umile, responsabile, realista
Valeria Forzini: socievole, intraprendente, decisa, umile, rispettosa
Federica Valerini: solare, combattiva, determinata, altruista, onesta

5) È la prima volta che ti spendi in politica attiva?
Alessia Coledi
: no, la seconda volta
Maria Porto: si
Valeria Forzini: si
Federica Valerini: si, è la prima volta

6) Sai come funziona la macchina amministrativa comunale?
Alessia Coledi: si
Maria Porto: certamente non conosco tutti i meccanismi, ma con i miei compagni di lista abbiamo approfondito alcuni aspetti che mi hanno reso molto più chiaro qualche passaggio fondamentale come ad esempio il bilancio e lo statuto comunale
Valeria Forzini: in linea di massima, ma nel corso delle riunioni di gruppo gli altri componenti hanno chiarito qualche punto in merito
Federica Valerini: si abbastanza, sto facendo pratica con i miei compagni candidati. Sono tante le dinamiche da seguire, basta sapersi informare

7) Perché hai scelto di candidarti?
Alessia Coledi
: ho scelto di candidarmi perché vorrei contribuire a dotare il Comune di uffici specifici che siano in grado di dare informazioni ed assistenza a tutte le categorie sociali, fare una politica finanziaria accorta, rendere i servizi più efficienti e creare eventi culturali di rilievo
Maria Porto: nonostante le iniziali titubanze, ho scelto di candidarmi perché penso sia fondamentale scendere in campo e spendersi attivamente per il proprio paese piuttosto che rimanere in panchina. Voglio, nel mio piccolo, rappresentare i miei coetanei. Noi giovani siamo stati troppo presto dimenticati da questo paese e dalla società in generale. Sono dell'idea che molte delle problematiche della nostra società nascano proprio da questa esclusione dei giovani,  che sono il motore della società e possono dare il loro contributo innovativo
Valeria Forzini: ho scelto di candidarmi perché essendo parte integrante della vita politica potrei essere un valido punto di riferimento per i giovani del paese di Nizza, instaurando con loro un rapporto di collaborazione e di rispetto delle loro idee. Inoltre, mi piacerebbe rivolgere particolare attenzione al settore della pesca e quant'altro ad esso connesso, essendo queste le origini della mia famiglia paterna, ed offrire per quanto è possibile, un supporto logistico ai vari operatori del settore per la promozione e la crescita delle loro attività
Federica Valerini: è stata una decisione ponderata. Sono molteplici i motivi che mi hanno spinta infine ad intraprendere questa strada. Da molti anni vedo Nizza spegnersi pian piano, un giorno dopo l’altro. Un paese bello come il nostro che si ritrova abbandonato, desolato, calpestato, sporco. Quindi mi sono fermata a pensare “Caspita!”, questo è il mio paese, la mia casa eppure mi viene voglia di andare via. Da lì ho capito che bisognava fare qualcosa. Del resto il futuro del paese si ritroverà presto in mano alle nuove generazioni e quindi, è giusto che anche noi ragazzi partecipiamo attivamente alla politica cittadina.

8) Perché lo hai fatto con la lista in cui sei candidata?
Alessia Coledi
(Porte aperte ai sogni): l’ho fatto con questa lista per i progetti condivisi sul futuro del Comune, per salvaguardarlo dai rischi derivanti dalla riduzione costante di trasferimenti nazionali e regionali e per tutelare il personale in un momento così difficile 
Maria Porto (Porte aperte ai sogni): dopo l'invito da parte dell'avv. Piero Briguglio a far parte di questa compagine, ho avuto modo di conoscere personalmente sia il candidato a sindaco sia il resto della lista e ho fatto la conoscenza di persone intelligenti, audaci, grintose, persone che sanno cosa voglia dire "fare squadra"
Valeria Forzini (Porte aperte ai sogni): ho scelto di candidarmi con la lista “Porte aperte ai sogni” con Piero Briguglio come candidato a sindaco perché reputo, lui principalmente e tutti gli altri candidati, delle persone valide, competenti e con tanta voglia di fare, con l’unico scopo di migliorare il futuro del paese di Nizza. Reputo inoltre che il nostro programma sia valido in tutti i suoi punti per il raggiungimento di questi fini
Federica Valerini (RinnoviAmo Nizza): ho deciso di candidarmi con la lista RinnoviAmo Nizza perché quando il candidato sindaco Giovanni Vega mi ha illustrato il programma che intendeva proporre, non potevo che trovarmi d’accordo con lui. Trattasi di un programma di rottura rispetto alla quarantennale gestione Di Tommasiana, che mi ha sempre trovato critica

9) Qual è il tuo personale contributo in questa lista in termini di idee, progetti?
Alessia Coledi
: vorrei creare eventi di grande rilievo, innovare la macchina amministrativa e rendere il Comune abile nell’intercettare finanziamenti regionali e nazionali, importanti per migliorare le strutture e la qualità della vita dei nizzardi
Maria Porto: il mio contributo personale vuole essere diretto alla valorizzazione delle strutture esistenti, per sfruttarne le potenzialità, organizzando e promuovendo eventi poliedrici, prettamente culturali, ma completati anche da momenti ricreativi dedicati allo sport, alla musica, allo spettacolo. L'idea è quella di stimolare giovani e meno giovani allo stare insieme, a condividere le tradizioni locali e non
Valeria Forzini: organizzazione di eventi (serate, sagre, giochi, carnevale, ecc) al fine di catturare l’attenzione non solo dei cittadini, ma anche di quanti abitano nei paesi limitrofi. Migliorare i punti di incontro principali del paese quali biblioteca, auditorium, parco
Federica Valerini: mi piace operare nel sociale dunque le mie idee, i miei progetti riguardano soprattutto gli anziani e i giovani. Vorrei fare in modo che ci fossero più luoghi d’incontro per i ragazzi, magari organizzare eventi di vario genere così da poter interessare tutti; fare un uso delle strutture come: biblioteca, museo, auditorium. Mentre, per quanto concerne gli anziani mi piacerebbe realizzare un centro diurno nel quale organizzare attività giornaliere che li tengano impegnati. Sarebbe anche interessante creare un’università degli anziani, con il supporto di volontari che organizzino delle lezioni in base alle loro competenze

10) Ti immagini a Nizza tra 20 anni?
Alessia Coledi
: si
Maria Porto: immagino di continuare a vivere sempre a Nizza
Valeria Forzini: certamente, non penso minimamente di allontanarmi dal mio paese
Federica Valerini: si certo. Immagino una Nizza rinnovata, cambiata, meta turistica ambita, pulita, con tanto verde e spazi attrezzati per grandi e piccoli

11) Come sarà Nizza tra 10 anni?
Alessia Coledi
: darò il mio contributo affinchè il Paese, con interventi di tutela e valorizzazione del territorio, possa diventare punto di riferimento per tutta la zona ionica
Maria Porto: non posso prevedere il futuro ma spero che, per il bene di tutti, sarà una Nizza migliore. Certo, è da considerare che Nizza è un comune all’interno di un complesso sistema regionale e quindi immaginare Nizza senza considerare il contesto più ampio è difficile
Valeria Forzini: non è una cosa che posso prevedere , mi auguro però che tra 10 anni possa essere fiore all’occhiello della riviera ionica come lo è stato in tempi passati, poiché offre tante strutture mancanti in altri paesi
Federica Valerini: spero non sia come oggi. Mi aspetto di trovare una Nizza che stia progredendo nel suo percorso di cambiamento

12) Perché i nizzardi dovrebbero votarti?
Alessia Coledi
: vorrei che i nizzardi mi votassero per la disponibilità sempre dimostrata, per la capacità di ascolto e per l’impegno volto alla soluzione dei problemi
Maria Porto: molti fanno della mia giovane età una colpa. Io sono dell'idea opposta. Penso che uno dei miei punti di forza sia proprio la mia giovane età. Noi giovani abbiamo dalla nostra parte energia, audacia, determinazione e voglia di metterci in gioco e nel dire ciò, vorrei far capire che siamo soprattutto noi giovani a dover partecipare alle decisioni, esprimere opinioni e contribuire al benessere collettivo del nostro paese
Valeria Forzini: credo che i nizzardi debbano votarmi perché sono certa di poter dare il mio massimo impegno amministrativo al fine di garantire sviluppo e crescita del paese. Ed inoltre essendo giovane, come ho detto in precedenza, posso essere un punto di riferimento per i miei coetanei, raccogliendo le loro idee, proposte ed iniziative, e proporle agli altri amministratori, e renderle fattibili
Federica Valerini: perché ho la volontà e la forza di raggiungere obiettivi ben precisi, in questo caso il rinnovamento del mio paese. Metterò tutta me stessa in questa nuova esperienza

13) Credi che per vincere le elezioni in un comune così piccolo, valgano di più le idee e i programmi o le semplici parentele e amicizie?
Alessia Coledi
: sono convinta che valgano di più le idee e i programmi, ma per realizzarli è necessario che ci siano fiducia, condivisione e consenso da parte degli elettori
Maria Porto: sarebbe ipocrita dire che contano soltanto le idee. Molto possono fare i legami. Anche se In verità negli ultimi tempi, anche perchè è aumentato  il numero degli indecisi,  c’è chi inizia a credere in una scelta consapevole basata sulle idee e le proposte
Valeria Forzini: sicuramente le idee e i programmi, ma anche amicizie e parentele non sono da meno
Federica Valerini: io sono del parere che valgano entrambe. Naturalmente per amici e parenti, se concordi con le mie idee, hanno piacere a darmi il loro sostegno. Per quanto riguarda le idee e i programmi penso siano di fondamentale importanza per vincere l’elezioni

14) Da quando sei nata a oggi, il sindaco di Nizza, salvo una breve interruzione, è sempre stato Giuseppe Di Tommaso. Come reputi il suo operato in questi anni? Dove ha sbagliato? Dove poteva fare di più? Cosa ha fatto di positivo?
Alessia Coledi
: è stata senz’altro una lunga amministrazione, non tutte le scelte sono state condivisibili, di certo sono state realizzate molte strutture, alcune delle quali dovrebbero essere modificate e rese fruibili ai cittadini. Inoltre dovrebbe essere attuata una politica di razionalizzazione delle risorse e della spesa
Maria Porto: Di Tommaso è stato sicuramente un sindaco che ha lasciato un segno tangibile della sua azione sul paese. Chiedere dove ha sbagliato o poteva fare di più non è possibile perchè implica una valutazione che andrebbe anche a considerare tanti altri fattori e tante altre persone che negli anni hanno amministrato assieme a lui
Valeria Forzini: credo che il nostro attuale sindaco Giuseppe di Tommaso si sia adoperato, e non poco, per il paese. Non posso conoscere a fondo il suo trascorso, ma sicuramente se non avesse fatto del bene alla nostra comunità e non sarebbe un buon amministratore non sarebbe rimasto in carica per tutti questi anni
Federica Valerini: essendo nata nel 1991 non ho una visione unitaria e complessiva dell’amministrazione del dottore Di Tommaso. Indubbiamente il sindaco uscente, anche in virtù della professione di medico da egli esercitata, è un personaggio di spicco nella comunità nizzarda. Certamente il paese oramai da anni sta vivendo un declino inesorabile, come è agli occhi di tutti. Questa condizione m’induce a ritenere che, evidentemente, nonostante gli sforzi qualcosa non sia andata per il verso giusto nell’amministrare il paese


COMMENTI

antonio salvatore blancato | il 08/06/2017 alle 01:39:00

Sono e saro sempre pro donne.Fa piacere che delle giovani donne come voi si interessino del proprio paese e non lo voglio abbandonare a se stesso, spero proprio che la politica non vi tradisca. Attente!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.