Giovedì 20 Settembre 2018
Mossa d'anticipo rispetto allo spoil system. Rivendicati i risultati raggiunti


Città metropolitana, il commissario Calanna si dimette e spiega le ragioni

di Redazione | 07/03/2018 | POLITICA

373 Lettori unici

Il commissario Francesco Calanna

“Ho atteso fino a oggi per senso di responsabilità e garbo istituzionale, ritengo, però, giusto, oltre che corretto, che Ella oggi possa, senza intralcio alcuno, provvedere ad individuare il percorso istituzionale transitorio che, sono sicuro, ci auguriamo entrambi, possa consentire ai messinesi e, più in generale ai siciliani tutti, di scegliere il governo di questi importanti e strategici enti intermedi”. È in sintesi il contenuto della lettera che il commissario straordinario della Città metropolitana di Messina, Francesco Calanna, ha inviato al presidente della Regione, Nello Musumeci, dimettendosi dalla carica ricevuta dall’ex presidente Rosario Crocetta il 19 ottobre scorso, quando subentrò a Filippo Romano. Calanna ha deciso di rimettere il mandato e questa mattina ha spiegato i motivi nel corso di una conferenza stampa a Palazzo dei Leoni, sede dell’ex Provincia regionale. “Ho rispettato la volontà di Musumeci di non procedere a nuove nomine in periodo elettorale ma dopo la chiusura delle urne ho ritenuto doveroso rimettere nelle sue mani il mandato – ha detto Calanna –  così da consentirgli di scegliere liberamente anche la squadra di sottogoverno. Non me ne vado sbattendo la porta, anzi ringrazio il presidente per non avermi incluso nello spoil system già attuato a Catania e Palermo, e non lo faccio per motivi politici. Ho infatti inteso da subito il mio mandato come tecnico e così ho portato avanti il mio ruolo”. Circa un mese e mezzo fa Musumeci aveva dichiarato che sarebbe stata avviata una verifica per vedere se Calanna, nel frattempo nominato componente del Consiglio di amministrazione del Cas, avesse i requisiti per ricoprire l'incarico. 

Calanna ha poi tracciato il bilancio del suo mandato. “L'attività commissariale in questi mesi si è concentrata sulla soluzione di numerosi e complessi problemi come quelli legati all'approvazione del bilancio, che ha permesso all'Ente di evitare il dissesto finanziario – ha evidenziato – e alla ridefinizione della programmazione dei Fondi del Patto per la Sicilia e del Masterplan, attraverso l'avvio delle procedure di rimodulazione e del necessario rafforzamento amministrativo. In chiusura dell'incontro, il commissario di Palazzo dei Leoni, che comunque potrebbe essere riconfermato, ha manifestato la totale fiducia in una rapida soluzione dell'attuale situazione di impasse da parte del presidente Musumeci al quale ha rivolto i sentiti ringraziamenti per la fiducia accordata in questi ultimi mesi di mandato. Calanna resterà alla guida dell'Ente per l'ordinaria amministrazione fino all'emanazione del decreto di passaggio di consegne.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.