Domenica 11 Aprile 2021
Interrogazione del deputato per sollecitare aiuti anche ai centri messinesi


Cenere dell’Etna, Lo Giudice: "Musumeci chieda stato di crisi anche per 8 comuni jonici"

di Redazione | 22/03/2021 | POLITICA

789 Lettori unici

La cenere caduta a Giardini Naxos

"Credo che i comuni siciliani siano tutti uguali e per questo ho presentato un’interrogazione in merito alla dichiarazione sullo stato di calamità per i comuni del Messinese interessati dalla pioggia di cenere e lapilli causata dai parossismi dei mese di febbraio e marzo 2021”. A dirlo è il deputato regionale Danilo Lo Giudice, capogruppo del Misto, che oggi ha depositato un documento per chiedere se il Governo Musumeci abbia provveduto, attraverso gli uffici preposti, a verificare e individuare quali altri comuni, oltre a quelli della provincia di Catania, abbiano subito danni a causa della cenere depositatasi e a quantificare economicamente gli stessi. “Gli eventi eruttivi dell’Etna dei giorni scorsi hanno determinato una eccezionale e intensa pioggia di lapilli e cenere vulcanica fino a raggiungere anche la zona jonica del nostro territorio - evidenzia il parlamentare - l’ennesimo parossismo ha portato alla caduta di terra e pietre nere anche su Giardini Naxos, interessando anche la frazione di Trappitello di Taormina, i comuni di Gaggi, Francavilla di Sicilia, Letojanni, Forza d’Agrò, Sant’Alessio Siculo e Santa Teresa di Riva, causando un forte disagio al traffico veicolare". La Giunta regionale l’11 marzo ha richiesto al Consiglio dei Ministri la dichiarazione dello stato di crisi e di emergenza nazionale sia per 13 i comuni ricadenti nell’area sommitale dell’Etna che per altri 30 comuni etnei raggiungi dal fenomeno vulcanico (fino a Calatabiano, proprio al confine con Giardini Naxos e quindi la provincia di Messina) ma Lo Giudice fa notare come anche diversi centri jonici messinesi siano stati interessati dal fenomeno di caduta di cenere e lapilli. “È indispensabile che il Governo – conclude Danilo Lo Giudice – visti gli eventi di febbraio e quelli degli ultimi giorni che hanno interessato anche i comuni della provincia di Messina, si attivi immediatamente affinché venga effettuata una ricognizione e si dia aiuto e sostegno anche ai comuni della fascia jonica-messinese che si trova in questo stato di disagio”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.