Sabato 15 Maggio 2021
Subentra nell'ex minoranza alla dimissionaria Gerami, che rimane assessore


Casalvecchio, cresce la "pattuglia deluchiana" all'Amministrazione: Santoro in Consiglio

di Andrea Rifatto | 29/04/2021 | POLITICA

544 Lettori unici

Palella, Gerami, Saglimbene e Santoro

Sconfitta alle elezioni del 2018 ma entrata nell’Amministrazione comunale per volontà del sindaco Marco Saetti, che 14 mesi fa ha dato vita alla grande coalizione, la (ex) minoranza consiliare di Casalvecchio Siculo si rinforza adesso con un altro componente. L’assessore Mariella Gerami, dopo aver ricevuto le deleghe ad un anno dalla nomina, si è infatti dimessa da consigliera lasciando il posto al primo dei non eletti nello schieramento di opposizione, Giovanni Santoro, 33 anni della frazione Rimiti, che tre anni fa ha ottenuto 34 preferenze. L’insediamento è avvenuto nel corso dell’ultima seduta durante la quale Santoro, consigliere di maggioranza dal 2013 al 2018, ha ringraziato il suo gruppo e il primo cittadino. L’uscente Gerami, nella lettera di dimissioni, ha ringraziato Saetti per la fiducia e i cittadini che l’hanno sostenuta, “ritenendo opportuno con le dimissioni da consigliere favorire l’entrata in Consiglio del primo dei non eletti così da permettere una maggiore partecipazione e una ulteriore figura che possa spendersi per la nostra comunità e che possa mettere a disposizione non solo del mio gruppo, ma del sindaco e di tutta l’Amministrazione comunale, le proprie risorse, energie e capacità”. Si amplia così la “pattuglia deluchiana” all’interno del municipio casalvetino, visto che tutti gli esponenti di minoranza, i consiglieri Carmelo Saglimbene, Carmelo Palella e Giovanni Santoro e l’assessore Mariella Gerami, appartengono al movimento Sicilia Vera di cui è leader il sindaco di Messina Cateno De Luca e puntano adesso a far sentire ancora di più il loro peso nel governo cittadino. E non manca una nota curiosa: nel civico concesso siedono ora due Giovanni Santoro (l'altro è stato eletto in maggioranza nel 2018) omonimi e nati lo stesso giorno dello stesso anno. L’operazione è stata “benedetta” anche dal sindaco di Santa Teresa di Riva e deputato regionale Danilo Lo Giudice, che ha ringraziato Marco Saetti per la rinnovata fiducia. A Casalvecchio si tornerà alle urne nel 2023 e l’auspicio dell’attuale sindaco è che non ci siano schieramenti contrapposti ma una coalizione unica che guardi al bene del paese, al cui interno dovrebbero però trovare posto anime diverse che non sembra facile far convivere. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.