Domenica 24 Ottobre 2021
Eletto dal suo gruppo dopo le dimissioni di Sabina D'Angelo, nominata assessore


Alì, Domenico Bottari è il nuovo presidente del Consiglio comunale

di Redazione | 15/09/2021 | POLITICA

660 Lettori unici

Il neo presidente Domenico Bottari

È Domenico Bottari il nuovo presidente del Consiglio comunale di Alì. A decretarlo sono stati sei consiglieri del gruppo di maggioranza (assente Floriana Triolo), mentre i due di minoranza presenti (Giovanni Fiumara e Natalino Triolo) hanno votato scheda bianca. Bottari, dunque, si appresta a guidare l’assemblea cittadina negli ultimi due anni di mandato elettorale, andando a sostituire Sabina D’Angelo, dimessasi nelle scorse settimane per andare a completare la squadra di governo locale quale quarto assessore ancora mancante. Domenico Bottari, appuntato dell’Arma dei Carabinieri in servizio alla Stazione di Sant’Alessio Siculo, ha ringraziato a nome suo e di tutto il civico consesso l’ex presidente D’Angelo, che ha voluto omaggiare con un mazzo di fiori, e tutto il Consiglio aliese per aver voluto riporre in lui la fiducia: “É un ruolo importante e super partes – ha detto – che spero di poter assolvere senza demerito, sempre nell’enorme rispetto che ho per le istituzioni”. Il neo presidente ha anche ringraziato il sindaco Natale Rao per il lavoro quotidiano svolto fino a questo momento, nell’interesse esclusivo della collettività: “Solo chi ha buona memoria – ha concluso Bottari - può permettersi il lusso di riconoscere le cose fatte in questi anni, anche se tante ancora vanno fatte». Soddisfatto anche il primo cittadino di Alì, perché con questi “aggiustamenti” operati si mettono le istituzioni locali in condizione di poter continuare a lavorare con serenità ed impegno. Il prossimo Consiglio dovrà procedere all’elezione del nuovo vice, ruolo finora svolto dallo stesso Bottari.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.