Sabato 11 Luglio 2020
Esce il 27 maggio per Viceversa Records il disco di Dounia e Marta Collica


"Silent Town", quando la world music incontra il folk low fi

18/05/2016 | MUSICA

1405 Lettori unici

Dounia e Marta Collica (foto Johannes Beck)

Esce il prossimo 27 maggio “Silent Town” (Viceversa Records), album frutto dell’incontro, inaspettato, tra gli italo-palestinesi Dounia e Marta Collica, songwriter catanese, di base a Berlino. I loro mondi musicali sono apparentemente molto distanti, ma entrambi condividono la voglia di mettersi in gioco proprio su territori musicali a loro alieni. Così, in occasione di un concerto che i Dounia hanno tenuto per l’Associazione Musicale Etnea, al Teatro Odeon di Catania, ad ottobre 2013, è nata l’idea di ospitare Marta e provare a ri-suonare un paio di sue ballad. Quella stessa sera, nel back stage a fine concerto, ha preso corpo l’idea di estendere la collaborazione, scrivere alcuni brani originali, (ri)arrangiarne altri già editi, e dar vita a questo loro lavoro unico. Un intreccio ed un alternarsi affascinante di word music dal sapore mediorientale e folk low fi, reso ancora più intenso dalla voce calda di Marta e dal tipico timbro e dalla atmosfere arabe di Faisal Taher e dei Dounia. Il disco - registrato, mixato e masterizzato da Gaetano Leonardi - sarà ascoltabile in anteprima streaming su Ondarock dal 22 maggio.
Cantautrice e musicista siciliana, Marta Collica vive a Berlino dividendosi tra tour e collaborazioni internazionali con diversi progetti. Con i Sepiatone, la band del compositore e produttore inglese John Parish, ha registrato “Once Upon a Little Time”, ed ha all'attivo due dischi da solista: "Pretty and Unsafe" e "About Anything". Il suo stile musicale trascende gli influssi folk blues, il low fi e il songwriting per spostarsi in una dimensione onirica e sensoriale dove trova ancora più spazio la contaminazione e la suggestione cinematica. I Dounia (Faisal Taher, Giovanni Arena, Vincenzo Gangi e Riccardo Gerbino) sono nati nel 1996 con la voglia di esplorare ulteriormente il panorama della world music, mescolando la singolare vocalità mediorientale di Taher ad un'inedita miscela di melodie, armonie, ritmi e suoni provenienti da ogni parte del mondo. 

La copertina del disco 

 

Più informazioni: dounia  marta collica  viceversa records  silent town  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.