Martedì 04 Agosto 2020
Progetto di educazione interculturale: premiati quattro studenti di S. Teresa di Riva


"Storie, fiabe e favole in libertà": culture e popoli a confronto

27/11/2014 | CULTURA E SPETTACOLI

2484 Lettori unici

La premiazione di Nicolò Prestipino, II A media "Petri"

La scuola è uno dei luoghi dove i bambini di tutti i paesi si trovano a vivere insieme: in quanto tale ha il compito è educare i ragazzi alla multiculturalità, al dialogo e alla conoscenza di culture diverse che devono convivere senza ignorarsi. Apertura verso l’altro che rappresenta sempre e comunque un’opportunità di crescita, di scambio, di curiosità e interesse verso culture, storie e tradizioni di altri popoli. In occasione del XXV anniversario della ratifica della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, si è svolta nel Salone delle Bandiere del Comune di Messina la manifestazione conclusiva del progetto di Educazione interculturale “Storie, fiabe e favole in libertà … raccontami anche la tua”, proposto dal Comitato provinciale Unicef di Messina e dall’ Aimc (Associazione Italiana Maestri Cattolici) di Messina, rivolto ai bambini della scuola dell’infanzia e agli alunni della scuola primaria e secondaria di 1° grado di Messina e provincia, con una giornata dedicata ai temi dell’accoglienza e dell’interculturalità.
Il  primo premio per la scuola secondaria di I grado, è andato a Nicolò Prestipino della 2a A della media “L. Petri” dell’Istituto comprensivo di Santa Teresa Riva, diretto dalla dirigente scolastica Enza Interdonato, con una favola inventata in lingua italiana dal titolo “Il marinaio e la tartaruga”/ “U marinaru e a tartaruga”; è stata premiata anche l’alunna Serena Moschella della 2a B con la favola inventata in lingua italiana “Il coraggio e la generosità del principe”.
Gli alunni, guidati dalle docenti di lettere Domenica Sturiale e Santa Camillen, si sono impegnati  nella produzione di favole inedite scritte in italiano e tradotte in vernacolo e nella ricerca di racconti della tradizione favolistica straniera, scritte in lingua madre e tradotte in italiano. A tutti i partecipanti è stato rilasciato un attestato di merito e gli autori delle favole, scelte dalla commissione, sono stati premiati con coppe personalizzate.
All' iniziativa hanno partecipato non solo studenti italiani ma anche alunni nati in Italia da genitori stranieri, provenienti dalla Cina, dalle Filippine, dall’Argentina, dalla Russia e dalla Romania. Gli elaborati sono stati raccolti in un libro dal titolo: “Storie, fiabe e favole in libertà… raccontami anche la tua”, i cui proventi della vendita saranno destinati all’Unicef, da sempre impegnata per garantire i diritti dei minori, e al Centro di prima accoglienza di Mineo (Ct). La manifestazione ha avuto il patrocinio dell’assessorato regionale della Salute. La presentazione ufficiale del Libro: “Storie, fiabe e favole in liberta’ ….” avvenuta nel corso del VIII Congresso Nazionale Fimp, tenutosi a Milano dal 2 al 4 ottobre 2014, ha ottenuto il patrocinio del Senato della Repubblica. 

Per la Direzione didattica di S. Teresa di Riva il primo premio è andato a due studenti della scuola primaria di Bucalo: Ioan Ureche (5A) e Alessio Mantarro (5B), accompagnati dalle insegnanti Alessandra Ucchino e Sara Garufi e dal dirigente scolastico Domenico Genovese.


La premiazione di Serena Moschella, II B media "Petri"

 

Gli studenti premiati della Primaria di Bucalo con le insegnanti e il dirigente scolastico

Più informazioni: istituto comprensivo santa teresa  direzione didattica santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.