Giovedì 22 Ottobre 2020
Al Borgo Marino evento dedicato al regista e scrittore originario di Barcellona Pozzo di Gotto


S. Teresa. Melo Freni e la "Favola del paese cambiato"

di Redazione | 16/09/2015 | CULTURA E SPETTACOLI

2113 Lettori unici

Vittorino, Fleri, Freni, Criscuoli e Causarano

Pubblico delle grandi occasioni nella piazzetta del Borgo Marino, sul lungomare di S. Teresa di Riva, che nei giorni scorsi ha ospitato un evento culturale organizzato da Giorgio Fleri, instancabile promoter e ideatore, tra l’altro, del “Premio Baia Taormina”, assegnato a illustri esponenti della letteratura “Made in Sicily”. E proprio di letteratura si è discusso durante la serata, che ha visto ospite lo scrittore, giornalista e regista Melo Freni, originario di Barcellona Pozzo di Gotto. Le fila dell’incontro sono state affidate al professor Michele Criscuoli, archeologo e storico dell'arte, che con sapiente spirito critico ha introdotto la figura di Freni e commentato le complesse tematiche affrontate in una delle sue opere più note, “La favola del paese cambiato”. Di forte suggestione sono state le letture di alcuni passi del racconto affidate all'avvocato Patrizia Causarano, dalla voce vellutata e ricca di espressività interpretativa. Presenti sul palco lo stesso autore, che ha ringraziato gli organizzatori per l’invito, e il sindaco Cateno De Luca, il cui interessante intervento ha messo in risalto non solo l'arrogante potere mafioso che attanaglia la Sicilia, ma ancora peggio la mentalità del popolo che rimane all'ombra della paura e del ricatto. Il prof. Criscuoli ha più volte sottolineato il grande impegno morale del romanzo che narra la storia di Giovanni, il quale sollecitato da un sogno, percorre la terra intrisa di sangue e di violenza per predicare un nuovo battesimo. Il protagonista usa l'arma della parola e con la parola scuote le coscienze assopite, ribalta abitudini e fatali inerzie. Alle appassionate letture di alcuni passi del racconto hanno fatto eco le splendide melodie del cantante catanese Guido Vittorino, che ha letteralmente rapito il pubblico, ricambiato da scrosci di applausi. Tra i presenti alla manifestazione anche l’assessore alla Cultura, Giovanni Bonfiglio.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.