Martedì 27 Ottobre 2020
Domenica 6 luglio la consegna dei riconoscimenti a Giovanna Giordano e Antonio Vitellaro


Il Premio "Baia Taormina" raddoppia per la sesta edizione

04/07/2014 | CULTURA E SPETTACOLI

2394 Lettori unici

Evento ideato e curato da Giorgio Fleri

Il Premio letterario “Baia Taormina”, giunto alla sesta edizione, quest'anno raddoppia assegnando due riconoscimenti a importanti personaggi della cultura siciliana: uno per la Letteratura a Giovanna Giordano (“Il mistero di Lithian”, Marsilio) e uno per la Storia e l'Antropologia ad Antonio Vitellaro (“La rivolta delle donne di Milocca”, Società Nissena di Storia Patria). I due scrittori succedono a Melo Freni, Matteo Collura, Marcello Sorgi, Pietrangelo Buttafuoco e Antonio Calabrò. La serata di premiazione è in programma domenica 6 luglio, alle ore 20, presso l'Hotel “Baia Taormina” sulla marina di Forza d'Agrò. Oltre agli autori, interverranno Melo Freni e Giuseppe Condorelli, mentre le letture di alcuni brani scelti saranno affidate a Patrizia Causarano. Il premio “Baia Taormina”, ideato e curato da Giorgio Fleri, consiste in una scultura realizzata dall'artista palermitano Domenico Zora. Per l'occasione sarà inaugurata una mostra di alcune sue opere, presentata da Rocco Chimera, visitabile sino al prossimo 30 luglio.

 

Note sugli autori premiati

Giovanna Giordano – Premio Baia Taormina 2014 per la Letteratura
Nata a Milano da genitori siciliani: il padre era uno scienziato. Trascorre i primi anni della sua vita fra la logica del nord e l'illogica del Sud, tra la nebbia di Milano negli anni di piombo e le estati a Gesso, davanti alle Isole Eolie, con la capra e le lucciole. Dalle estati siciliane nasce in lei la propensione al mistero, al fantastico; dagli anni milanesi il rigore: due nature che qualche volta si scontrano e lei fatica a capire chi è. Dopo gli studi classici a Messina è a Firenze, all'Università Internazionale dell'Arte. Da qui l'attrazione particolare per l'arte africana e i vari viaggi in giro per il mondo. Per molti anni svolge l'attività di critico d'arte, finché a New York, al Village, si accorge che le piacciono di più le storie degli uomini e non quelle dei quadri. Gli incontri con Bufalino, con Sciascia e con Fernanda Pivàno segnano l'esordio del suo cammino di scrittrice. Ha trame per 300 romanzi ma ne ha pubblicato solo 3: “Trentaseimila giorni”, “Un volo magico” e “Il mistero di Lithian”, tutti con l'editore Marsilio, tutti premiati e attenzionati dalla critica. Di prossima pubblicazione ha una lunga storia di mare. Giornalista pubblicista, dal 1985 scrive per importanti quotidiani e riviste.


Antonio Vitellaro – Premio Baia Taormina 2014 per la Storia e l'Antropologia
E' stato docente di lettere e preside dei licei, classico e scientifico, di Caltanissetta. Come vicepresidente della Federazione Nazionale Insegnanti ha svolto un'intensa attività nelle commissioni per l'aggiornamento della didattica e l'orientamento scolastico. Ha fondato ed è presidente della Società Nissena di Storia Patria, studioso di storia, ha pubblicato diversi saggi di notevole interesse culturale, ultimo dei quali ha per tema la “questione delle terre e i fasci dei lavoratori” e ripercorre il ruolo delle donne nelle rivolte che caratterizzarono le vicende sociali della Sicilia in seguito alle delusioni della politica post-unitaria del 1860. “La rivolta delle donne di Milocca”, questo il titolo dell'opera premiata, colma un vuoto nella storia siciliana di quegli anni e rende merito al coraggio di quelle donne che, a migliaia, si ersero a protagoniste di una indelebile pagina di storia.

Più informazioni: premio baia taormina  giorgio fleri  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.