Domenica 25 Ottobre 2020
Prorogata al 31 gennaio la chiusura della mostra nel centenario della scomparsa


Le opere di Giuseppe Mazzullo esposte a Messina

18/01/2014 | CULTURA E SPETTACOLI

2653 Lettori unici

La "Tuffatrice”, opera in bronzo di Mazzullo realizzata nel 1947

In seguito alle numerose richieste di visita pervenute dagli Istituti scolastici di Messina e provincia nonché da Enti, Istituzioni culturali, studenti universitari e studiosi di arte moderna e contemporanea, il Commissario Straordinario della Provincia di Messina Filippo Romano ha prorogato al 31 gennaio 2014 la chiusura della mostra Omaggio a Giuseppe Mazzullo nel Centenario della sua nascita (1913 – 2013), curata da Virginia Buda e Giuseppe Morgana e allestita nelle sale della Galleria d’arte moderna e contemporanea “Lucio Barbera” di Messina. Dopo l’inaugurazione del 16 dicembre scorso, avvenuta alla presenza di un attento pubblico di appassionati e in cui sono intervenuti, tra gli altri, lo stesso Commissario Romano e il Sindaco di Messina Renato Accorinti, la mostra ha avuto un grande successo di pubblico e di critica, come testimoniato dalle centinaia di visitatori che hanno potuto apprezzare l’excursus artistico e umano di Mazzullo nell’itinerario espositivo che comprende 16 sculture, 16 disegni e rari documenti d’archivio. Tra le opere esposte sono state particolarmente ammirate la “Tuffatrice”, uno splendido bronzo del 1947, il “Gatto”, sorprendente pietra del 1961 e le due teste in ossidiana degli anni ’80, delle quali una è stata donata dagli eredi di Mazzullo al Sindaco di Messina nella serata inaugurale. Il successo dell’iniziativa, organizzata dalla VII Direzione Servizio Cultura della Provincia Regionale di Messina in collaborazione con la Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina, la Fondazione Mazzullo di Taormina e l’Associazione Art Promotion, è stato anche decretato dall’intento, da parte di altre prestigiose Istituzioni pubbliche, di organizzare altre esposizioni dedicate a Mazzullo; un ulteriore e significativo passo verso la definitiva consacrazione di un artista considerato unico nel panorama internazionale del ‘900. La mostra è corredata da un catalogo, curato da Virginia Buda, che, prendendo spunto dalle opere esposte, ripercorre sinteticamente tutta l'attività di Mazzullo scandendola per decenni e suddividendola in due capitoli dedicati, rispettivamente, alle sculture e ai disegni.
Fino al 31 gennaio sarà possibile visitarla nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle ore 13,00 e martedì e giovedì anche dalle ore 15,00 alle ore 17,00.

 

La cerimonia di inaugurazione tenutasi lo scorso 16 dicembre

Più informazioni: arte  cultura  artisti  mazzullo  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.