Venerdì 30 Ottobre 2020
Si è tenuto all'Istituto S. Cuore il convegno promosso dall'assessore Annalisa Miano


Internet e gli "effetti collaterali", esperti a confronto a S. Teresa di Riva

22/03/2016 | CULTURA E SPETTACOLI

1388 Lettori unici

L'assessore Miano con i relatori

Usare internet: perché rende competitivi, migliora la vita, aiuta nel lavoro. Ma non abusarne. E soprattutto conoscere gli “effetti collaterali” di uno strumento indispensabile, affascinante, ma che nasconde rischi e pericoli. Soprattutto per i più piccoli. È il messaggio emerso questa mattina dal convegno “Educarealdigit@le”, promosso dall’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di S.Teresa di Riva, Annalisa Miano, destinato agli studenti dell’Istituto Comprensivo, del Liceo Classico-Scientifico e dell’Istituto Psicopedagogico, allo scopo di educare i ragazzi sulle potenzialità e sui rischi legati alle nuove tecnologie.  L’incontro ha avuto luogo nel teatro dell’Istituto Sacro Cuore di S. Teresa di Riva ed è stato presentato dall’assessore Miano che ha portato i saluti ai tanti amministratori e rappresentanti di associazioni, oltre che ai dirigenti scolastici, agli alunni ed al corpo docente.
Il primo intervento è stato affidato alla dottoressa Alessandra Cortese, specialista in Diritto dell’Informatica, che collabora con uno studio di diritto delle nuove tecnologie di Lecce e che, con slides e richiami anche ironici, ha catalizzato l’attenzione dei giovani sulle cattive abitudini “digitali” di molti ragazzi e come queste si riflettono sul loro percorso di vita. Subito dopo è stata la volta della professoressa Francesca Panuccio, docente di Diritto dell’Informatica presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Messina, la quale ha trattato il tema dell’incidenza e del ruolo delle tecnologie sui minori e sulle famiglie. Degli aspetti penali legati all’utilizzo delle nuove tecnologie si è occupato l’avvocato Filippo Brianni, il quale ha indicato quali comportamenti “digitali” possono diventare reato, illustrando anche i meccanismi di difesa rispetto ad eventuali reati subiti attraverso internet. Ha chiuso l’incontro la dottoressa Alessia Bisazza, specialista in psicologia clinica dell’età evolutiva, la quale ha  riannodato i fili dei vari interventi soffermando la propria attenzione sul rapporto realtà fisica e realtà virtuale che molto spesso determina difficoltà di ordine psicologico, soprattutto tra i giovani. L’incontro era stato preparato attraverso un questionario distribuito alle scuole per fare emergere le abitudini digitali dei ragazzi. I risultati sono stati illustrati ieri dagli studenti dei tre istituti scolastici coinvolti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.