Mercoledì 24 Luglio 2024
Riconoscimento per il regista santateresino Fabrizio Sergi per la storia sulla migrazione


Cinema, il cortometraggio "Sharifa" premiato all'International Film Festival di Palermo

di Redazione | 19/04/2024 | CULTURA E SPETTACOLI

592 Lettori unici

Nuovo riconoscimento per il cortometraggio “Scharifa” del regista santateresino Fabrizio Sergi, prodotto da “La Zattera dell’Arte” in collaborazione con il Ministero della Cultura e il partenariato dell’associazione Penelope. Già vincitore del progetto “MigrArti 2018” e del premio “Nickelodeon di Spoleto 2023”, ha ottenuto adesso un ulteriore premio nell’ambito di “i-Fest Palermo”, una delle vetrine più ambite nel panorama cinematografico siciliano. Durante la serata di gala che si è svolta al Cinema Vittorio De Seta del capoluogo siciliano, il regista di Santa Teresa di Riva ha ritirato il riconoscimento in compagnia dell’artista Nino Ucchino, sceneggiatore del corto. “Scharifa” è stato selezionato direttamente dalla commissione del festival e omaggiato fuori concorso con il supporto di Sicilia Film Commission per la categoria “Area Sicilia”. insieme alle opere di altri autori siciliani. “Un corto che continua a girare e ricevere consensi – commenta Sergi – nato per abbracciare i valori dell’immigrazione, del dialogo e dell’inclusione sociale”.

Il film vede protagonista la mediatrice culturale Khadija Amzil, giunta in Italia dal Marocco negli Anni ’90 che interpreta Scharifa, donna marocchina nata dalla penna di Nino Ucchino; tra gli altri interpreti della pellicola il catanese Guido Vittorino, Cettina Sciacca responsabile artistico del gruppo Sikilia e Omar Kamissoko, giovane di origini somale. Tante le comparse che hanno preso parte al progetto, soprattutto ragazze nigeriane ospitate nei centri di accoglienza che hanno offerto le loro drammatiche testimonianze. L’edizione 2024 di “i-Fest” è stata un successo di pubblico e opere inedite, nato con la precisa idea di un festival innovativo, elegante, accogliente, fruibile e con l'obiettivo di investire Palermo di cinema, cultura, emozione e bellezza. Un festival che ha scelto anche per questo di utilizzare numerose e splendide location in città per ospitare concorsi, proiezioni e la serata di gala. Ospite d’eccezione della serata, organizzata dal direttore artistico Giuseppe Panebianco, è stato il regista spagnolo Albert Serra, già autore del film Pacifiction, presentato in concorso a Cannes e riconosciuto come Miglior film del 2022 per Cahiers du cinéma, oltre ad aver ricevuto numerosi premi internazionali tra cui 2 César e 3 Lumière Awards.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.