Sabato 15 Giugno 2024
Ospiti Angelo Favaro e Marco Vanelli per delineare la sua vita tra letteratura e cinema


Cento anni dalla nascita di Pasolini: a S. Teresa omaggio "multimediale" all'intellettuale

13/08/2022 | CULTURA E SPETTACOLI

577 Lettori unici

Organizzatori ed ospiti della serata

Un folto e attento pubblico ha partecipato alla serata multimediale “Prima di tutto un poeta: Pasolini tra letteratura e cinema”, promossa dal Comune di Santa Teresa di Riva con la collaborazione del Cinit - Cineforum Italiano e il patrocinio dal Comitato Nazionale MIC “Pasolini100”. Ha introdotto la manifestazione Mariapia Crisafulli, poetessa e studiosa della poesia di Pasolini, motivando la scelta di un evento dedicato alla figura poliedrica di un intellettuale controverso e profetico come quella di Pier Paolo Pasolini, in occasione del centenario dalla sua nascita, prendendo spunto dalla orazione funebre di Moravia, che tuonava “abbiamo perso prima di tutto un poeta!”. Particolarmente profondi e interessanti gli interventi dei due illustri ospiti invitati a relazionare. Angelo Favaro, docente di Letteratura italiana contemporanea dell’Università di Roma Tor Vergata e membro del Comitato scientifico “Pasolini100”, prendendo spunto dalla produzione poetica, dagli articoli e dall’epistolario, ha delineato le ispirazioni, i tormenti e le vicende del poeta, con una performance spettacolare e coinvolgente; dialogando figurativamente col poeta, ha declamato poesie, articoli e lettere, ripercorrendo tutti i suoi amori dalla madre Susanna al suo Ninetto (Davoli), da Laura Betti a Maria Callas, mentre immagini rare e inedite scorrevano sullo schermo a favore di pubblico. Ha inoltre delineato le altre iniziative organizzate dal Pasolini100 per il 2022, tra cui un convegno internazionale di studi all’Università di Palermo il prossimo ottobre. Marco Vanelli, storico del cinema e direttore della rivista di studi di cinema “Cabiria” edita dal Cinit, dopo avere brevemente delineato le motivazioni e il percorso di avvicinamento di Pasolini al cinema, ha invece approfondito il taglio delle sue scelte e il suo impegno politico/sociale nel girare numerosi film. Si è soffermato su “Il Vangelo secondo Matteo”, oggetto di approfondimento dell’ultimo numero della rivista Cabiria, partendo dalla ispirazione dell’autore, ospite alla Cittadella di Assisi nel 1962, sino alla realizzazione del film, grazie alle ricerche effettuate dagli studiosi del Cinit, sottolineando le scelte (tecniche e contenutistiche) adottate, per poi concludere segnalando le varie fasi film prodotti con le loro caratteristiche. Antonella Casablanca, dell’Associazione Scirocco onlus, ha letto alcuni brani selezionati dagli scritti tra quelli più significativi pubblicati dall’autore. 

Massimo Caminiti, presidente del Cinit, ha riferito dell’impegno del Cineforum Italiano sulla figura di Pasolini, promuovendo una mostra multimediale dell’associazione “Sedicicorto” di Forlì e con la collaborazione a un Convegno di Studi ad Assisi per il 22-27 agosto. Ha poi introdotto il corto surreale e favolistico di Pasolini “Che cosa sono le nuvole?”, ispirato all’Otello di Shakespeare e alla tela Las Meninas di Velasquez, in cui l’autore rappresenta in maniera metaforica la vita degli uomini. Tra gli attori del corto, oltre Ninetto Davoli, Franco Franchi, Ciccio Ingrassia e Domenico Modugno, c’è l’ultima interpretazione di Totò. A portare i saluti dell’Amministrazione comunale la presidente del Consiglio Domenica Sturiale, che si è complimentata con i relatori e con l’organizzazione per l’alto livello qualitativo della serata.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.