Lunedì 03 Agosto 2020
Venerdì a Sant'Alessio l'evento “Otto borghi, un territorio" per ricordare il suo impegno


Carmelo Duro e la visione della Valle d'Agrò: il territorio "festeggia" i suoi 80 anni

29/07/2020 | CULTURA E SPETTACOLI

347 Lettori unici

Carmelo Duro è scomparso il 5 ottobre del 2014

Se un infarto non l’avesse fermato sei anni fa, venerdì 31 luglio Carmelo Duro avrebbe festeggiato il suo 80esimo compleanno. Forse lo avrebbe fatto proprio parlando o scrivendo della sua visione comprensoriale della Valle d’Agrò, un’idea che lo ha reso un faro nel contesto culturale e sociale del territorio. E proprio immaginandosi Carmelo Duro continuare a seguire quel percorso interrotto dal destino, Archeoclub Area Jonica Messina ha scelto di festeggiare comunque questo compleanno, mettendo insieme il Comune di Sant’Alessio Siculo e alcune associazioni che hanno beneficiato della vitalità e degli studi di Carmelo Duro, per ricordarne proprio l’innovativa visione comprensoriale. “Otto borghi, un territorio: la visione di Carmelo Duro” sarà infatti il titolo dell’incontro realizzato in collaborazione da Archeoclub, Comune, Unione dei Comuni Valli Joniche dei Peloritani, Osservatorio dei Beni Culturali, Unitre e associazione Valle d’Agrò-Carmelo Duro, in programma venerdì 31 luglio, alle ore 21, nella Villa Genovesi di Sant'Alessio. Si comincerà con un profilo biografico tracciato dalla figlia, Mimma Duro e i saluti istituzionali, poi una serie di interventi sintetizzerà per quanto possibile il pensiero comprensoriale di Duro emerso durante tutte la sue tante attività. Anzitutto quella di giornalista, scrivendo della Valle sulle colonne della Gazzetta del Sud dal 1968 al 2007. E poi come scrittore, il primo a realizzare una sorta di “manuale” dal titolo “La Valle d’Agrò” che fu il  riuscito tentativo di unire i borghi del comprensorio in un’unica idea di sviluppo. Ma anche l’impegno sociale, attraverso i circoli culturali (Kallipolis) ed i giornali dal forte impegno civile (Il Malessere) che Duro animò proprio da Sant’Alessio. E l’impegno sindacale, espletato nel corso del suo lavoro di geometra alle dipendenze della Sip (ex Telecom). Infine, l’impegno letterario, sia a sfondo storico (i due tomi sulla storia di Sant’ Alessio Siculo e della sua autonomia comunale ed il libro sull’assassinio nazista di un parroco alessese) che a sfondo narrativo (con “Equazione a un’incognita” e, soprattutto, “Lampare Spente”). Tutti aspetti che emergeranno dai brevi flash di: Pino Chillemi, Santino Albano, Ninuccia Foti, Pippo Biella, Ketty Tamà, Filippo Brianni, Salvatore Mosca, Santino Foti. L’attrice catanese Mara Di Maura intervallerà i contributi recitando pezzi di “Lampare Spente”.  L’evento sarà seguito e ripreso anche dall’emittente televisiva EuroTv. “Non vuole essere affatto un evento commemorativo – spiega Filippo Brianni di Archeoclub - ma un momento di riflessione sull’apporto al comprensorio di Carmelo Duro nei tantissimi settori sociali e culturali nei quali ha dato ili suo contributo incidendo sempre in maniera innovativa e forte e partendo proprio dalla sua visione unitaria della Valle d’Agrò”. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.