Mercoledì 17 Luglio 2024
Storia di donne, tradizioni e nobiltà nel libro della scrittrice originaria di Roccalumera


"Bice", la leggendaria ragazza del castello di Calatabiano nel romanzo di Cinzia Aloisi

di Filippo Brianni | 28/07/2021 | CULTURA E SPETTACOLI

1714 Lettori unici | Commenti 1

La presentazione del libro a Calatabiano

Bice, la bellissima ragazza che fu leggenda del castello di San Marco di Calatabiano, dopo due secoli e mezzo riprende vita. Nuova vita. Passa da leggenda a storia, romanzata certo, ma molto fedele nelle descrizioni dei luoghi, tradizioni, costumi e abitudini di una Sicilia forte e contraddittoria, di un tempo lontano che, volgendo lo sguardo all’orizzonte del passato, è ancora percettibile. Lo fa grazie alla penna della 51enne taorminese Cinzia Aloisi, originaria di Roccalumera, che per Algra editore ha dato alle stampe “Bice, un respiro tra i sassi”. Il romanzo è stato presentato proprio nello scenario in cui la leggenda che lo ispira ebbe luogo, il castello di San Marco, oggi diventato un hotel. È lì che a fine ‘700, la figlia del Duca di Gallodoro, Bice, vive e perde la sua tormentata vita alla ricerca della libertà e dell’emancipazione, tra abiti nobili ed abiti monacali. Una storia che narra di nobiltà e servitù, di rapporti tra nobili e clero, di matrimoni combinati ed amori travolgenti e scandalosi. Narra di donne la cui vita è decisa dagli uomini e uomini la cui vita è decisa dalle tradizioni. Che tratteggia uno schizzo di quella Sicilia borbonica invidiata ed invidiosa, intrisa di fede e bigottismo, laboriosa genialità e pigra nobiltà, in una cornice di luoghi e colori che ispirano ed attraggono. 

Tutti elementi emersi nella cerimonia di presentazione e dalle parole di Ninuccia Foti, dalle contestualizzazioni storiche di Franco Campailla, dalle riflessioni letterarie di Rosalda Schillaci. Il tutto con gli intermezzi musicali dell’Orchestra Mandonilistica Gioviale di Taormina e la soprano Debora Intilisano, e le letture di Gianni Crimi e Adele Auricchio della compagnia teatrale di Giardini-Naxos Gymasium Teatro. Per la Aloisi si tratta già del secondo romanzo storico, dopo la biografia romanzata sulla nobile inglese Florence Trevelyan cui è legata la storia dell’Isola Bella e della Villa comunale a Taormina. Negli ultimi anni, la Aloisi ha anche pubblicato raccolte di racconti e di poesie.


COMMENTI

Catena Federico | il 28/07/2021 alle 15:03:21

Conosco l’autrice, un astro nascente come romanziera. Ho già letto Florence Trevelyan, di grande impatto a maggior ragione per chi conosce il personaggio storico. Ma di Bice, perché raccontare la trama? Un po’ di suspence nell’attesa di leggere di lei? Grazie🙏

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.