Domenica 03 Marzo 2024
Vittima la dirigente dell'ufficio dove lavorava, accusata di averlo fatto licenziare


Taormina, la perseguita e le brucia l’auto: divieto di avvicinamento per un 51enne

11/12/2019 | CRONACA

3634 Lettori unici

Gli agenti gli hanno notificato ieri l'ordinanza

La perseguitava e ha tentato anche di bruciarle l’auto, tartassandola di continuo. Adesso non potrà più avvicinarsi alla vittima, che ha denunciato tutto al Commissariato di Polizia di Taormina. Ieri gli agenti hanno infatti eseguito la misura cautelare del divieto di avvicinamento emessa dal Gip del Tribunale di Messina, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di un 51enne accusato dei reati di stalking e danneggiamento seguito da incendio. La vittima era la responsabile dell’ufficio dove l’uomo prestava servizio e da cui era stato licenziato mesi addietro; da allora riteneva che la sua superiore fosse colpevole della cessazione del rapporto di lavoro e per questo motivo sono iniziate reiterate vessazioni. Lo stalker, infatti, ha dapprima perseguitato la persona offesa chiamandola ripetutamente al telefono e presentandosi sul posto di lavoro e, poi, per colpirla anche sul piano affettivo, ha mandato al suo coniuge due missive aventi contenuto diffamatorio e offensivo. Infine, ha tentato di incendiare la loro autovettura. L’articolata attività di indagine, effettuata dai poliziotti del Commissariato di Taormina, coordinati dall’Autorità giudiziaria, ha accertato e chiarito le responsabilità del 51enne, rendendo possibile l’emissione della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.